Ruggero, quando la musica si fa film della nostra vita

La felicità è come un treno che si ferma alla tua stazione per qualche minuto, magari per qualche giorno, però poi riparte. La serenità invece siamo noi dentro quel treno: lui viaggia e noi viaggiamo con lui. La serenità è il vero scopo della nostra vita“: lo dice Ruggero, pseudonimo di Filippo Lazzari, geniale artista cremonese classe 1993, che raccoglie in un album musicale il film della nostra vita. Tutto comincia il 3 gennaio 2020 su Youtube, quando vara il progetto “Atineres”, una serie di videoclip musicali che raccontano di un viaggio alla ricerca della serenità: un anno e mezzo dopo, questo progetto diventa il concept album “Atineres – questo film che si chiama vita”. Si apre con l’ouverture strumentale “Sul set”, per proseguire con esperienze di vita anticipate da veri e propri “Ciak”, interludi tra un brano e l’altro. Nella nota stampa l’album viene giustamente definito “una piccola operetta pop che unisce ricerca musicale e cura dei testi per raccontare la parabola degli uomini viaggiatori, ognuno alla ricerca della propria serenità”. In 14 tracce è racchiusa la ricerca della propria identità in una lotta tra testa e cuore, con la paura di essere felici, quali attori e registi della nostra vita.

È un disco da ascoltare ad occhi chiusi per lasciarsi trasportare tra note e parole al centro delle nostre esistenze. Come suggerisce l’autore, va gustato dall’inizio alla fine come quando si guarda un film.

You May Also Like

Alghero Music Spotlight, un faro per i giovani

Moscato di Cordepazze: “Le canzoni sono il distillato della vita”

Psiker, creatività colorata in note

Marco Vezzoso, l’artigiano del jazz che ama suonare Vasco