Ianez canta la sua dea

L’amore per una donna che non si riesce a dimenticare, così la si paragona alla dea Minerva nata dal capo di Giove e si canta: “Devi uscire dalla mia testa”. È “Minerva”, il nuovo singolo di Ianez (Andrea Iannone), accompagnato dall’onirico videoclip per la regia di Antonella Giuliano. Il brano regala magia nelle note e nel testo per una ragazza divina che nelle immagini è la ammaliante Arianna Giampietro. La base del brano è interamente realizzata da Fabio Tumini per Satellite Records; le linee di basso sono di Lorenzo D’Annunzio.

TESTO “MINERVA” (autore Ianez )

Prendi un po’ quello che vuoi

parlami dei tuoi guai

faccio finta che fare finta sia

la cosa più vera che mai.

Occhi come dipinti da guardare

e non toccare sai

complici i tuoi movimenti che

disegnano quello che sei.

Notti passate a pensarti

perché il giorno non mi basta e poi

sotto una pioggia d’Aprile malinconici

attimi di noi.

mani che sapevano tutto la porzione

delle mie virtù. Tu sei la chiave del

lusso ciò che ho avuto

e non ritrovo più.

Devi uscire dalla mia testa

c’è una cura a questa dipendenza

chi ti guarda mentre dormi e poi

ti tiene stretta ?

Devi uscire dalla mia testa

vieni fuori come Minerva

chi ti guarda  mentre sogni?

Prenditi il tempo che vuoi

io di tempo non ne ho avuto mai

fumo e osservo la vita come su

“real time”. Pagine a getto d’inchiostro

la passione delle tue bugie

cose dette per fare male

frasi scritte, quelle sono mie!!!

Devi uscire dalla mia testa

c’è una cura a questa dipendenza

chi ti guarda mentre dormi e poi

ti tiene stretta?

Devi uscire dalla mia testa

vieni fuori come Minerva

chi ti guarda  mentre sogni ?

Devi uscire dalla mia testa

devi uscire dalla mia testa

devi uscire dalla mia testa

devi uscire e basta

Devi uscire dalla mia testa

vieni fuori come Minerva

chi ti guarda mentre sogni?

You May Also Like

Alghero Music Spotlight, un faro per i giovani

Moscato di Cordepazze: “Le canzoni sono il distillato della vita”

Psiker, creatività colorata in note

Marco Vezzoso, l’artigiano del jazz che ama suonare Vasco