Luigi De Crescenzo, calda e avvolgente la melodia di “Juoc e mare”

Dobbiamo essere in grado di liberarci dagli sguardi logoranti e superflui degli altri, continuando a proseguire per la nostra strada”, così il cantautore napoletano Luigi De Crescenzo sintetizza lo spirito del videoclip di “Juoc e mare”, per la regia di Michal Zemel (fotografia di Paolo Modugno), che lo vede guidare dal centro di Roma al litorale di Ostia per trovare nell’incontro col mare una sosta a ciò che lo logora. “Il mare è per me uno spazio sempre pronto ad accogliermi e ispirarmi, che sia esso calmo o tempestoso“. Nato a Napoli il 22 maggio 1989 e lasciatosi alle spalle l’esperienza con la band Naea, Luigi ha intrapreso un percorso solista che in questo brano, “Juoc e mare”, ricorda il timbro dello zio Eduardo: voce calda e musica come una tavolozza dai mille colori.

JUOC E MARE – Testo e Musica di Luigi De Crescenzo

A mente ripass’l’uocchie da gente ca va semp’a spass’

e se ne fòtton’é niente

S’astipano sti carte

é rimanen’ind’é sacche e nun vonne sentì

A mente ripass’à voceda gente

ca sussurran’semp’ma vulessa allucà

cu nu boccone amaro

e na lengua ca nun riesce cchiù‘à allucca

Spine dint’ é mane è nu juoc é mare cat’nfonnet’affonn’

ma nunè‘osang’tuoie a te parlà spine dint’àl’uocchie

è nu fuoco verde é notte ca s’appiccia e se stuta dint’é suonne da matina spine dint’ò core spine

Nu juorn t’assiett’ pigliann’t ò tiempo chiurenn’chist’uocchie a te serve a pensa jesce émmanà ind’èsacc’

t’affierr’ fort’è suonn’éffai alluccà

Abbrucia nunt’astipà abbraccia comm’é una carta ca

dint’àna sacca nun se fire cchiù é restà ind’ànu munno che ogni pass’ è na guerra cammina chi sulamente

s’mpara a vulà

Spine dint’ é mane è nu juoce é mare spine dint’é mane è nu juocé mare cat’nfonnet’affonn’

ma nunè‘o sang’tuoie a te parlà spine dint’àl’uocchie

è nu fuoco verde é notte ca s’appiccia e se stutadint’é suonne da matina spine dint’ò core spine

Ò giallo e ò blu se cercano é chhiù s’astregnane òrrus’

abbruciano forte nunt’astipà chiù

You May Also Like

Alghero Music Spotlight, un faro per i giovani

Moscato di Cordepazze: “Le canzoni sono il distillato della vita”

Psiker, creatività colorata in note

Marco Vezzoso, l’artigiano del jazz che ama suonare Vasco