Luigi De Crescenzo, calda e avvolgente la melodia di “Juoc e mare”

Dobbiamo essere in grado di liberarci dagli sguardi logoranti e superflui degli altri, continuando a proseguire per la nostra strada”, così il cantautore napoletano Luigi De Crescenzo sintetizza lo spirito del videoclip di “Juoc e mare”, per la regia di Michal Zemel (fotografia di Paolo Modugno), che lo vede guidare dal centro di Roma al litorale di Ostia per trovare nell’incontro col mare una sosta a ciò che lo logora. “Il mare è per me uno spazio sempre pronto ad accogliermi e ispirarmi, che sia esso calmo o tempestoso“. Nato a Napoli il 22 maggio 1989 e lasciatosi alle spalle l’esperienza con la band Naea, Luigi ha intrapreso un percorso solista che in questo brano, “Juoc e mare”, ricorda il timbro dello zio Eduardo: voce calda e musica come una tavolozza dai mille colori.

JUOC E MARE – Testo e Musica di Luigi De Crescenzo

A mente ripass’l’uocchie da gente ca va semp’a spass’

e se ne fòtton’é niente

S’astipano sti carte

é rimanen’ind’é sacche e nun vonne sentì

A mente ripass’à voceda gente

ca sussurran’semp’ma vulessa allucà

cu nu boccone amaro

e na lengua ca nun riesce cchiù‘à allucca

Spine dint’ é mane è nu juoc é mare cat’nfonnet’affonn’

ma nunè‘osang’tuoie a te parlà spine dint’àl’uocchie

è nu fuoco verde é notte ca s’appiccia e se stuta dint’é suonne da matina spine dint’ò core spine

Nu juorn t’assiett’ pigliann’t ò tiempo chiurenn’chist’uocchie a te serve a pensa jesce émmanà ind’èsacc’

t’affierr’ fort’è suonn’éffai alluccà

Abbrucia nunt’astipà abbraccia comm’é una carta ca

dint’àna sacca nun se fire cchiù é restà ind’ànu munno che ogni pass’ è na guerra cammina chi sulamente

s’mpara a vulà

Spine dint’ é mane è nu juoce é mare spine dint’é mane è nu juocé mare cat’nfonnet’affonn’

ma nunè‘o sang’tuoie a te parlà spine dint’àl’uocchie

è nu fuoco verde é notte ca s’appiccia e se stutadint’é suonne da matina spine dint’ò core spine

Ò giallo e ò blu se cercano é chhiù s’astregnane òrrus’

abbruciano forte nunt’astipà chiù

You May Also Like

Massimo Bonelli, la lungimiranza al timone degli eventi musicali

Marina Rei in concerto regala un vero “momento di felicità”

Diego Random all’“Alba” di un nuovo progetto

Gaia Gentile: un’esplosione di gioia al ritmo di samba