Bugo: “Sono impreciso come tutti i miei grandi eroi”

“Voglio cantare ed essere impreciso come tutti i miei grandi eroi. Sanremo è difficile ed importante, ed io sono qui per presentare la mia canzone e cantarla al meglio, che piaccia o no”, così Bugo in gara al 71esimo Festival di Sanremo con “E invece sì”, prima traccia di “Bugatti Cristian”, disco appena uscito (su etichetta Mescal, distribuito da Sony) che contiene cinque nuove canzoni – oltre a “E Invece Sì”, “Meglio”, “Come Si Fa”, “Videogame”, “O Che Cosa” – e le nove incluse in “Cristian Bugatti”. Nell’album, “Meglio” si avvale del feat. dei Pinguini Tattici Nucleari che lo hanno affiancato durante la serata delle cover nell’interpretazione di “Un’avventura” di Lucio Battisti. Con il lancio sulle radio di “E invece sì” è stato varato anche il video, realizzato da Francesco Lagi a Villa dei Quintili, all’interno del Parco archeologico dell’Appia Antica. “Questo album contiene diversi temi quali amore, desiderio e nostalgia. Cerco di fare dischi dove racconto la mia visione del mondo”.

In un post Bugo si sfoga: “Ciao ragazzi, parto dalla fine dicendo che mi sono rotto. Lo dico perché è da un anno che leggo qualsiasi cosa su di me che nulla c’entra con la musica e non ho mai replicato. Capisco la libertà di parola, è un diritto sacro e la rispetto, ma quando i giornalisti musicali usano come scusa una cosa accaduta più di un anno fa per schernirmi, allora siamo oltre all’ambito delle chiacchiere da bar. Sono qui al Festival per parlare di musica. Lo so che è un anno difficile per tutti e fare un disco è un lavoro delicato, soprattutto ora. Mi dispiace che non si parli di questo e che invece ci si continui a chiedere dove sia Bugo. Bugo è qui, io sono qui, non sono mai andato via. Mi sono solo allontanato dalla pazzia e dall’opportunismo. Forse questo non fa notizia, né click, ma questo sono io. Non sono il più intonato di tutti, ma di certo sono più sincero di molti. Bugo è qui”. Commentando questo post con la stampa, Bugo osserva: “Tornare qui dopo un anno e riportare sempre l’argomento a quello che è successo alla 70esima edizione intristisce, con il post mi sono voluto alleggerire”. I live? “Mi mancano tantissimo. La riapertura del 27 marzo di cinema e teatro è un buon segnale. Io sono un cantante da concerti e sono già pronto”.

You May Also Like

Alghero Music Spotlight, un faro per i giovani

Moscato di Cordepazze: “Le canzoni sono il distillato della vita”

Psiker, creatività colorata in note

Marco Vezzoso, l’artigiano del jazz che ama suonare Vasco