Flutua: “Quando il pensare è troppo ti gioca contro”

È in radio “Penso e ripenso” (I Cuochi Music Company), brano estratto dall’album “Vota amore” dei Flutua, il trio formato da Dana (voce), Devis (batteria, drum machines e campionatore) e Fabio (basso e chitarra).

Dana, unica donna del gruppo, come ti trovi con i tuoi compagni di viaggio, Devis e Fabio?

Mi trovo benissimo, sono molto donne dentro secondo me. Hanno sicuramente una parte più delicata e femminile rispetto ad altri uomini nell’approccio con la relazione in un gruppo con una donna“.

Il nome Flutua che origine ha?

“Viene dal desiderio di leggerezza. Inizialmente abbiamo detto ‘fluttuare’ nell’aria, poi abbiamo pensato a ‘fluttua’ con due ‘t’ e per renderlo ancora più leggero alla fine abbiamo tolto una ‘t’ perché suonava meglio“.

Come ti piace venga definita la vostra musica?

Un po’ di dance, un po’ di rock, un po’ di hip hop e tanto, tanto groove

Com’è stato accolto l’album “Vota amore”?

Io direi sopra le mie iniziali aspettative, quindi mi sono tranquillizzata“.

Com’è nato il singolo “Penso e ripenso” da poco uscito?

Fondamentalmente ‘Penso e ripenso’ nasce dalla persona che sono io, cioè sono quella che fa fatica ad addormentarsi, si sveglia pensando già a qualcosa e addirittura pensavo non fosse possibile non pensare. Quando il pensare è troppo ti gioca contro perché entri nella spirale dei rimpianti di tutte le occasioni che ti sei perso“.

Come proseguirà il vostro progetto?

Abbiamo grosse sorprese, nel senso che sicuramente faremo dei live dove possibile perché l’intenzione di fare un booking c’è, e c’è anche l’intenzione di registrare una nuova canzone per farne qualcosa di super segreto che vi faremo sapere“.

Sanremo è mai stato nei vostri piani?

Sì, da quando è migliorato nella scelta dei vari partecipanti. Fino a una decina di anni fa era proprio inascoltabile, cioè io non lo ascoltavo più, erano secoli che sentivo solo la solita vecchia melodia interpretata da tutti i cantanti senza differenza quasi tra una canzone e l’altra. Adesso invece ho visto che c’è stata un’apertura, quindi possiamo anche pensare di poter essere dei possibili partecipanti“.

C’è una frase tra le vostre canzoni che vi definisce in maniera particolare come trio?

Direi proprio ‘Penso e ripenso’“.

You May Also Like

Alghero Music Spotlight, un faro per i giovani

Moscato di Cordepazze: “Le canzoni sono il distillato della vita”

Psiker, creatività colorata in note

Marco Vezzoso, l’artigiano del jazz che ama suonare Vasco