Se il mondo è grigio lei beve e canta “Tè alla cannella”: è Wild, selvaggia di nome e dolce di voce

È uscito “Tè alla cannella”, nuovo brano di Alessandra Wild, in arte Wild, diciannovenne svizzera che nel 2016 ha partecipato al Musical di “Romeo&Juliet” e nel 2018 si è esibita nella finale del programma svizzero “Kids Voice Tour”.

Wild, ti senti così “selvaggia” (in inglese) di nome e di fatto?

Sì, lo è il mio cognome e lo sono anche io“.

A dispetto di ciò hai una voce dolcissima. Cos’è per te la musica?

Mi fa sognare e vivere tantissime emozioni e mi permette di dar forma ai miei pensieri, sia ascoltandola che scrivendola“.

Quanto c’è di te nel brano “Tè alla cannella” da cui si evince una giovane audace il cui immaginario si rifà ai mitici anni Cinquanta?

Ho scritto il brano durante la quarantena per tornare nella mente a come era prima con quelle piccole cose che ti regalano la felicità“.

Il video del singolo ti mostra sola in uno spazio disadorno (con una fotografia ora a colori ora in bianco e nero) che arrivi a dar fuoco ad un girasole, cosa hai voluto comunicare con questa immagine?

Desideravo qualcosa di molto semplice ma anche un po’ d’impatto. Non c’è nulla di negativo nell’immagine del fiore, come mi piace il tè alla cannella in un giorno di pioggia così sentivo mia la forza del girasole che brucia“.

Quali sono i tuoi prossimi progetti discografici?

Ho in cantiere altre canzoni un po’ particolari come questa. Mi auguro di continuare a comporre musica. Spero di riuscire a lavorare con la musica“.

Tu sei l’autrice sia dei testi che delle note?

Di solito comincio dalla melodia, magari con un giro di accordi al piano e poi provo a mettere giù le parole“.

Cosa ti ha lasciato l’esperienza di “Romeo&Juliet” e di “Kids Voice Tour”?

Riuscire a comunicare anche col corpo e non solo con la voce e condividere il palco con altri artisti“.

Dalla freschezza dei tuoi anni ti senti ottimista rispetto all’emergenza sanitaria del Covid?

Finita la scuola avrei voluto prendermi una pausa e andare all’estero. Proprio questo mese sarei dovuta partire per l’Australia ad imparare la lingua e immergermi nella musica. Però voglio vedere il mondo in maniera ottimista, quindi dico che uscire con questo singolo significa concentrarmi sul mio progetto musicale a piene mani“.

You May Also Like

Alghero Music Spotlight, un faro per i giovani

Moscato di Cordepazze: “Le canzoni sono il distillato della vita”

Psiker, creatività colorata in note

Marco Vezzoso, l’artigiano del jazz che ama suonare Vasco