Heroes: oltre 40 artisti in Arena per un cambiamento di rotta

Verona, città d’amore e musica. All’Arena domenica 6 settembre dalle ore 18.50 il concerto “Heroes” nato e pensato per lo streaming – con la regia di Luigi Antonini, sarà disponibile via web su www.futurissima.net (link anche su lafeltrinelli.it e ibs.it) e tramite app mobile su a-live scaricabile al link d.tok.tv/alive – con oltre 40 artisti per 5 ore di musica live. “Non c’è nome più indicato di ‘Heros’ per questa iniziativa. Gli Heroes siamo un po’ tutti noi che cerchiamo di dare un po’ di normalità al nostro tempo. Sarà una festa dell’eroismo”, afferma in conferenza stampa streaming Gianmarco Mazzi, ad della società Arena di Verona. In modalità ibrida tra il pubblico che sarà presente fisicamente e quello che avrà comprato uno smart ticket per assistere alla esclusiva diretta streaming, il concerto sarà diffuso anche all’estero grazie alla collaborazione con diversi Istituti Italiani di Cultura (Amsterdam, Atene, Barcellona, Belgrado, Berlino, Bruxelles, Budapest, Cracovia, Dublino, Istanbul, Lisbona, Londra, Lubiana, Madrid, Marsiglia, Praga, San Pietroburgo, Stoccolma, Tel Aviv, Tirana e Tunisi). L’evento porta la firma di Music InnovationHub Spa – Impresa Sociale (MIH) ed è organizzato e prodotto da Friends&Partners, Live Natione Vivo Concerti, in collaborazione con laFeltrinelli, Arena di Verona Srl e Gianmarco Mazzi, R&P Legal, e con i contributi di Vertigo e Magellano.

In campo scende una rosa della nuova scena musicale italiana: Achille Lauro, Afterhours, Aiello, Anastasio, Anna, Brunori Sas, Cara, Coez, Coma Cose, Diodato, Elodie, Eugenio In Via Di Gioia, Fedez, Frah quintale, Francesca Michielin, Franco126, Gaia, Gazzelle, Gemitaiz&Madman, Ghali, Ghemon, Ginevra, Levante, Madame, Mahmood, Margherita Vicario, Marlene Kuntz, Marracash, Mecna, Michele Bravi, Mostro, Nitro, Pinguini Tattici Nucleari, Priestess, Random, Rocco Hunt,  Salmo, Selton, Shiva, Subsonica, The Kolors, Tommaso Paradiso, Willie Peyote. Grande attesa c’è per i featuring di Elisa con Marracash, Ana Mena con Rocco Hunt, Ginevra con Ghemon, Annalisa con Achille Lauro e Zero Assoluto con Gazzelle.

La serata si aprirà con uno straordinario omaggio al maestro Ennio Morricone realizzato da Alex Braga accompagnato sul palco dal soprano Rosa Feola e dal giovanissimo talento dell’arpa Kety Fusco. “Ennio Morricone è un simbolo di straordinaria sintesi tra l’avanguardia e il pop, l’estrema sublimazione del genio che riesce a comunicare la bellezza della complessità nella purezza della semplicità – dichiara Braga –. La decisione di dedicargli l’apertura del concerto è maturata insieme al direttore artistico di Heroes, Dino Lupelli, nella convinzione che la sua musica sia un patrimonio artistico e culturale che va divulgato e tramandato anche alle nuove generazioni. E penso che l’incontro con l’intelligenza artificiale sia nel solco tracciato da Morricone nel corso della sua carriera di sperimentatore infaticabile, sempre alla ricerca della frontiera. Oggi, questa è la frontiera, il nuovo Far West di cui il Maestro ci ha magicamente fatto scoprire il suono attraverso le sue composizioni”.

“Heroes: il futuro inizia adesso” intende riportare la musica al centro della vita sociale del Paese promuovendo un futuro più solidale e sostenibile. In linea con le altre iniziative della settimana musicale a Verona, tutti i proventi derivanti da Heroes andranno ad alimentare “Covid-19 Sosteniamo la musica”, il fondo di Music InnovationHub promosso insieme a Fimi in partnership con Afi, Assomusica, Nuovoimaie, Pmi, che è rivolto alle categorie del settore musicale più colpite dagli effetti della pandemia e che sino ad oggi ha già raccolto oltre 500.000 euro e sostenuto oltre 500 lavoratori in difficoltà. “Il pubblico ha bisogno della musica live, lo dimostra il seguito di queste prime serate musicali in tv in diretta da Verona”, osserva l’imprenditore Ferdinando Salzano. Già oltre 30mila gli smarticket distribuiti per Heroes che sarà un evento interattivo con anche la possibilità di selfie sul palco! “Questa operazione è nata durante il lockdown dove eravamo impegnati solo a spostare i concerti, non a programmarli. Organizzarlo è stato qualcosa di veramente straordinario, dotato di energia e voglia di fare qualcosa che possa restare nel tempo”, sottolinea il manager Clemente Zard. Ma ricordano ad una sola voce gli organizzatori di live Roberto De Luca, Ferdinando Salzano e Clemente Zard: “Lo streaming può viaggiare parallelamente, può essere un’integrazione, ma non potrà mai sostituire la musica dal vivo che è un’aggregazione molto compatta d’intenti e di persone, un incontro fisico. Noi della musica live siamo stati i primi a fermarci e gli ultimi a ripartire, siamo ligi nella prevenzione al Covid-19”.

Una sorta di sigla di Heroes è stata “letta” dall’attrice Anna Foglietta che partecipa a Heroes con l’Onlus che presiede “Every child is my child”: “La storia siamo noi, attenzione, nessuno si senta escluso. La storia siamo noi, siamo noi queste onde nel mare, questo rumore che rompe il silenzio, questo silenzio così duro da masticare”.

You May Also Like

Mei 2020: il ritorno alle origini della musica indipendente nelle piazze di Faenza

Un po’ di “Propaganda” a Milano per la street culture

“Scalare la montagna, ma ricordarsi sempre da dove si arriva”: Giacomo Riccardi, in arte Alter James, racconta il suo rap che ha radici nelle strade di Genova

Da Verona la musica accende i motori per far ripartire il Paese