“Tropico”: Davide Petrella continua a superare la notte scrivendo canzoni dolci e malinconiche come “Egotrip”

Convince “Egotrip”, il nuovo singolo di Tropico, pubblicato da Island Records, all’interno del progetto Island Presents. Il brano è nato da un nuovo processo di profonda introspezione. “Io scrivo sempre, da quando ho memoria. Questa volta era giusto fermarsi per un po’. Poi ho ricominciato a viaggiare. Senza motivo. L’unico modo che hai di viaggiare di questi tempi è scavandoti nella testa… e quando lo fai quello che senti e quello che ricordi ti manda lontanissimo. ‘Egotrip’ è per superare la notte, prima o poi passa anche la notte più buia. È importante parlarsi in questo periodo. Sono sempre stato bravo a parlare alle persone con le canzoni… e questa canzone credo che sfiori le corde giuste per provare a viaggiare un po’. Evadere”, così Davide Petrella, cantautore napoletano classe ’85. Il suo percorso artistico inizia con la band “Le Strisce”, quando nel 2008 il successo del claim “Chi cazzo sono le strisce?”, diventato virale, porta il gruppo, con solo due brani all’attivo, a firmare un contratto con la Emi Music Italy. Successivamente l’artista intraprende un percorso musicale da solista. A maggio del 2018 esce “Litigare”, singolo che anticipa l’uscita dell’album omonimo pubblicato a giugno dello stesso anno. Oltre al suo progetto solista, Davide è uno tra gli autori più richiesti in Italia, firma di alcuni delle hit di maggiore successo degli ultimi anni: ha all’attivo collaborazioni con Cesare Cremonini, Fabri Fibra, Mahmood, Jovanotti, Elisa, Gianna Nannini, Fedez, J-Ax e Guè Pequeno. A settembre 2019 pubblica il singolo”Non esiste amore a Napoli”, per Island Records, il primo tassello del progetto Tropico che viene accolto con grande interesse da pubblico e critica, seguito dai brani “Doppler” e “Contro” che vede la partecipazione del rapper CoCo.

You May Also Like

Alghero Music Spotlight, un faro per i giovani

Moscato di Cordepazze: “Le canzoni sono il distillato della vita”

Psiker, creatività colorata in note

Marco Vezzoso, l’artigiano del jazz che ama suonare Vasco