La forza di Nina Simone in note e strofe che sanno di sale: viene rieditato l’album “Fodder on my wings”

Viene presentato come “un capitolo poco noto ma fondamentale della vicenda artistica e umana di Nina Simone” l’album “Fodder On My Wings” che contiene canzoni profondamente autobiografiche, come “I Sing Just To Know That I’m Alive” e “I Was Just A Stupid Dog To Them”, così come una bruciante improvvisazione verbale dedicata alla morte del padre sulle note di “Alone Again (Naturally)” di Gilbert O’Sullivan (unica composizione non originale della raccolta). È stato registrato nel 1982, poco tempo dopo il trasferimento dell’artista a Parigi, dove viveva sola e isolata: il suo disagio mentale peggiorava, la sua vita familiare era in frantumi, e il suo dolore e la sua forza si sprigionano in note e strofe che sanno di sale. Edito in origine per una piccola etichetta francese, “Fodder On My Wings” a partire da questi giorni è disponibile in due formati digitali (standard e hi-res: è la prima volta che il titolo vede la luce in streaming e download), mentre a maggio seguiranno le versioni in cd e vinile (il tutto sotto l’egida del marchio Verve). Buona musica!

You May Also Like

Alghero Music Spotlight, un faro per i giovani

Moscato di Cordepazze: “Le canzoni sono il distillato della vita”

Psiker, creatività colorata in note

Marco Vezzoso, l’artigiano del jazz che ama suonare Vasco