Riscalda gli animi “L’amore ti fa velo” dei Gregari in Fuga. Francesco Lener: “Una canzone che nasce nel clima sospeso dei giorni che stiamo vivendo”

“Non c’è futuro, è stato rimandato. Non c’è presente, almeno c’è il passato”, è nostalgica e dolce “L’amore ti fa velo”, canzone dei Gregari in Fuga, formazione composta da Francesco Lener (piano e voce), Davide Zaottini (basso e voce), Valerio Marotta (chitarra solista), Federico Picco (chitarra ritmica) e Vincenzo Quaceci (batteria), il cui repertorio è formato interamente da brani originali, scritti e interpretati da Lener e Zaottini. In queste ore di emergenza sanitaria dove, come dice la canzone – ascoltabile su youtube (https://www.youtube.com/watch?v=JFILxwf2X1I&feature=youtu.be) -, trascorriamo “settimane che sembrano mesi”, mentre “la primavera fuori sta scoppiando”, la voce di Francesco Lener, dal timbro caldo e intenso che richiama la più bella tradizione del cantautorato romano, dà corpo a una melodia che “nasce – come osserva l’artista – nel clima sospeso e nella dimensione domestica dei giorni che stiamo vivendo, che induce quasi inevitabilmente a guardarci indietro e a recuperare qualcosa del nostro passato”. Alla finalizzazione delle armonie de “L’amore ti fa velo” ha collaborato Davide Zaottini, mentre alcuni passaggi del testo traggono delle suggestioni da uno scritto di Marco Mottolese. La produzione è in modalità home corona sound, cioè interamente realizzata a casa. Le note soavi de “L’amore ti fa velo” accompagnano con levità questi giorni di reclusione tra le mura per noi prima grande rifugio, oggi quasi prigione, riscaldando i momenti più freddi della nostra volontà.

You May Also Like

Alghero Music Spotlight, un faro per i giovani

Moscato di Cordepazze: “Le canzoni sono il distillato della vita”

Psiker, creatività colorata in note

Marco Vezzoso, l’artigiano del jazz che ama suonare Vasco