Quattro nuovi fiori all’occhiello nel bouquet di Sky

Un’offerta più ricca e diversamente organizzata per Sky: come già in Uk e in Germania arrivano dal primo luglio anche in Italia quattro nuovi canali. Sono Sky Serie (canale 112), Sky Investigation (canale 114), Sky Documentaries (canali 122 e 402) e Sky Nature (canali 124 e 404). Possono cambiare i nomi (ad esempio in Uk Sky Investigation corrisponde a Sky Witness), a volte avere un palinsesto più orientato al Paese di riferimento, ma nella sostanza Sky sta andando ovunque verso un’intensificazione di contenuti fatti in casa e orientati alla salvaguarda dell’ambiente per essere sempre più competitiva ed appetibile nel mondo on demand. Piace che tra i titoli in lavorazione italiani per i nuovi canali ci siano volti amati dal pubblico: per Sky Serie sono al lavoro Fabio De Luigi con “Ridatemi mia moglie” e Gabriele Muccino con “A casa tutti bene – La serie”; per Sky Documentaries c’è Pif con la nona stagione de “Il testimone” (aprirà con una puntata dedicata a Giulio Regeni); e per Sky Nature la cantante Francesca Michielin. I nuovi canali fanno parte del pacchetto base; non ci saranno sovrapposizioni di contenuti, ad esempio per quello che riguarda i prodotti seriali di Sky Atlantic (tra l’altro, prima di quest’anno, questo è stato l’ultimo canale lanciato da Sky in Italia: era il 2014); restano confermati canali partner quali Fox. Dal primo luglio in avanti Sky promette almeno una prima visione al giorno. Tra i primi titoli appetibili ci sono: su Sky Serie “L’assistente di volo”, con l’amata Penny di “The Big Bang Theory”, Kaley Cuoco (in onda dal primo luglio), e “I Luminari – Il Destino nelle stelle”, un dramma in costume, ambientato nel 1865 in Nuova Zelanda, con Eve Hewson (l’attrice compirà 30 anni proprio il 7 luglio, quando debutterà la serie); su Sky Investigation “Il giustiziere”, crime drama a tinte action con Éric Cantona nei panni di un ruvido ex investigatore (dall’8 luglio); su Sky Documentaries “Allen v. Farrow”, docu-serie Hbo divisa in quattro parti che ripercorre la storia di uno degli scandali più noti di Hollywood (dal 9 luglio), e “Tiger Woods”, documentario Hbo in due parti che racconta la vera storia dell’uomo e del campione (dal 13 luglio); su Sky Nature “Greta Thunberg – Un anno per salvare il mondo”, docu-serie Bbc su Greta Thunberg nei suoi viaggi realizzati tra il 2019 e il 2020 (dal 4 luglio), e “Now”, sui giovani attivisti fotografati tra la loro paura del cambiamento climatico e la loro volontà di trovare modi alternativi per vivere in un futuro sostenibile (dal 25 luglio). Ma tra titoli già noti e amati come “Sex & The City” e “Dr. House – Medical Division” (solo per nominare le serie), tante saranno le sorprese inedite già in lavorazione. Tra queste ci sono per Sky Documentaries “Sic”, per i 10 anni dalla scomparsa dell’amato pilota motociclistico Marco Simoncelli, e “Sarah – La Ragazza di Avetrana”, sull’omicidio della quindicenne della provincia di Taranto; e per Sky Nature “L’orso Marsicano” e un concerto (in collaborazione con Sky Arte) per sensibilizzare sull’ambiente che si terrà in autunno al Teatro La Fenice di Venezia, a 25 anni dall’ultimo incendio (era il 29 gennaio 1996). In una clip dal set di “A casa tutti bene – La serie”, Gabriele Muccino si mostra felice di essere tra i testimonial di “queste importanti partenze Sky”, in particolare del canale sulle serie che ormai vedono al lavoro “gli autori” e assicura i suoi sostenitori che la prima stagione (in otto episodi) di questa sua serie sarà ricca di “Sturm und Drang (tempesta e impeto) in pieno stile mucciniano” e che ritroveremo tutti e 19 i personaggi del film, anche se impersonati da altrettanti nuovi attori, tra questi spunta la cantante Emma Marrone. Si annuncia un bel racconto corale anche “Ridatemi mia moglie” che tra i protagonisti, oltre al simpaticissimo e bravo Fabio De Luigi, vanta Diego Abatantuono, Carla Signoris e Diana Del Bufalo. Sembra, dunque, proprio che Sky abbia calato 4 assi con i nuovi canali a cui stanno lavorando alacremente: Antonella d’Errico, executive vice president programming Sky Italia; Antonio Visca, direttore dei nuovi Sky Serie e Sky Investigation, oltre che di Sky Atlantic; e Roberto Pisoni, direttore dei nuovi canali Sky Documentaries e Sky Nature, oltre che di Sky Arte.

You May Also Like

“Generazione 56k”, irresistibile serie dai colori solari e nostalgici

“Alfredino – Una storia italiana”, un racconto tv fatto con veridicità, rispetto e delicatezza

“Domina”, discutibile tentativo di rileggere la storia di Roma

“Corpo di ballo”, una finestra su magia e sacrificio della danza classica