“Te l’avevo detto”, un film tremendamente visionario

Apocalittico, allucinato, distopico è “Te l’avevo detto” (durata 100’) di Ginevra Elkann, al cinema dal 1 febbraio (con Fandango). Scritto dalla regista – assieme a Chiara Barzini e Ilaria Bernardini – durante il lockdown, il film nasce seguendo suggestioni sorte da riflessioni sulle catastrofi e sui cataclismi narrati nella Bibbia. Da qui la pellicola punta i riflettori sui peccatori di oggi immersi in un’anomala ondata di caldo a fine gennaio. “I personaggi – spiega nelle note di regia Elkann – si confrontano con le difficoltà che hanno abilmente evitato di affrontare per tutta la vita, che si tratti di cibo, sesso, droghe, religione o chirurgia plastica. Ma ora non possono più scappare. Sono tutti così concentrati sui propri problemi e i propri bisogni che non vedono, accanto a loro, il mondo che sta per crollare. Riescono a vedere solo sé stessi e non ciò che li circonda”. Il film, una produzione The Apartment con Rai Cinema, ricorda a tratti “Siccità” di Paolo Virzì, ma raggiunge toni onirici e visionari tali da tingere Roma quale scenario perfetto del Giudizio Universale. Il cast, eccezionale, contempla, tra gli altri, Valeria Bruni Tedeschi, Danny Huston, Greta Scacchi, Riccardo Scamarcio, Alba Rohrwacher e Valeria Golino. A loro si affianca un’altra singolare protagonista, la fotografia di Vladan Radovic, che con i suoi colori avvolge in una nebbia tragica luoghi, persone e fatti.

You May Also Like

“Arf”, il racconto animato del candore che sfidò il dittatore

“Il punto di rugiada”, l’incanto di un film d’autore

Quando un film si fa specchio delle distorsioni social

“Suspicious Minds”, un seducente ed ombroso gioco di coppie