Quattro protagonisti dal candore disarmante nel film “Amleto è mio fratello”

L’inclusione passa dal palcoscenico. Ne è prova il bellissimo film di Francesco Giuffré che, dopo aver lavorato per cinque anni in teatro con i diversamente abili, sceglie di portare la loro purezza al cinema. Dal 31 agosto nelle sale c’è “Amleto è mio fratello”, che è un omaggio al teatro e al suo potere di abbattere ogni steccato di pregiudizio verso il disagio psichico. Protagonisti sono quattro suoi allievi – Paolo Vaselli, Andrea De Dominicis, Carlo Di Bartolomeo, Paolo Giliberti – che mettono in scena la loro reale passione per il teatro in una storia che li vede scappare da Roma a Napoli per poter affrontare un provino su un testo di William Shakespeare. In questa che si rivelerà una rocambolesca fuga incontreranno tanti personaggi stravaganti a cui regaleranno un sorriso e da cui loro riceveranno aiuto per raggiungere la meta agognata senza arrendersi mai di fronte ai vari ostacoli che si presenteranno. Tra risate agrodolci e schiette, la commedia infrange lo stigma verso la malattia mentale. In una nota stampa il regista, che è anche autore del soggetto e della sceneggiatura (quest’ultima scritta a quattro mani con Pierluigi Belloni), dichiara che il film “nasce dall’idea di raccontare un argomento molto spesso relegato in un angolo, scomodo e a volte disturbante: il disagio psichico. Il film non vuole insegnare o dare giudizi, ma solo raccontare il mondo e i sogni di quattro ragazzi speciali, cercando di smontare i preconcetti sulla malattia mentale. Un progetto dove l’inclusione e il rispetto per la diversità rappresentano il motore trainante, perché sono profondamente convinto che il cambiamento di una società deve iniziare proprio con l’accettazione di ciò che è lontano da noi, e questo film vuole essere un piccolo ma significativo passo in quella direzione. La storia che raccontiamo è semplice come lo possono essere certi sogni. La fuga per i nostri protagonisti significa non solo uscire dal mondo che li protegge, ma soprattutto toccare con mano quel senso di libertà che molto spesso non si può concedere a chi soffre di disturbi mentali. Durante il viaggio i quattro si troveranno nel mondo al di là del loro. Un mondo che non è lì per proteggerli ma per accoglierli. E solo chi ha un’anima pura come la loro potrà cogliere la loro sana follia! Perché come dice uno dei personaggi del film: meglio pazzi che tristi!”. Con quelli che nel film gli spettatori conosceranno semplicemente come Paolo, Paolone, Andrea e Carlo, ci sono Margherita Buy, Tonia De Micco, Nino Frassica, Claudia Gerini, Luca Lionello, Ilaria Loriga, Francesco Paolantoni e Vincenzo Salemme. Prodotto da Marco Gaudenzi e Pierpaolo Marcelli per Flat Parioli e TNM Produzioni e girato più di un anno fa con la fotografia di Dario Germani, “Amleto è mio fratello” parte con quella che sarà una vera e propria festa per i quattro protagonisti: il giorno d’uscita, il 31 agosto, alle ore 18, è prevista una proiezione del film alla presenza del cast presso UCI Cinemas – Porta di Roma. Sarà l’occasione giusta per applaudire quattro bravi attori dal candore disarmante.

You May Also Like

Con “Un altro ferragosto” Paolo Virzì firma un altro capolavoro

“Te l’avevo detto”, un film tremendamente visionario

“Arf”, il racconto animato del candore che sfidò il dittatore

“Il punto di rugiada”, l’incanto di un film d’autore