La danza d’amore di Francesco Scianna e Valentina Lodovini per Filippo Conz

Valentina e Francesco hanno portato davanti alla macchina da presa la vulnerabilità dei rispettivi personaggi con tale onestà, che è stato spesso commovente e, allo stesso tempo, un regalo per tutti noi sul set”, così il regista Filippo Conz parla della Lodovini e di Scianna, incredibilmente bravi nell’interpretare due ex che si rincontrano a distanza di 9 anni, innescando dolce e amare schermaglie d’amore nel film “Conversazioni con altre donne” che uscirà nelle sale dal 31 agosto 2023, distribuito da Adler Entertainment. L’autrice di soggetto e sceneggiatura originale è Gabrielle Zevin, assieme a Helena Bonham Carter e Aaron Eckhart, un lavoro del 2006 a cui ha lavorato con freschezza per l’adattamento cinematografico italiano lo stesso Conz che, con questo film, sigla l’esordio alla regia di un lungometraggio. Forte del Master in Regia Cinematografica alla Columbia University e della Laurea in Teorie del Film alla Cattolica di Milano e dell’esperienza fatta con la sua Zbabam Productions (da lui fondata a New York nel 2007 e con la quale ha prodotto spot pubblicitari, film e documentari), il cineasta ha cominciato questa avventura cinematografica avvalendosi delle musiche di Paolo Fresu registrate prima dell’inizio delle riprese così da “coadiuvare la sceneggiatura come riferimento d’ispirazione durante le prove, sul set e in montaggio”, come viene sottolineato nelle note di regia. Il film è un gioco serrato di sfiorarsi e allontanarsi, con parole e gesti, portato avanti tra due persone completamente diverse – una più romantica e l’altra più pragmatica -, consapevoli di non poter avere una vita assieme, ma la cui attrazione si trasforma in una danza di ricordi, ripicche, seduzione ed incredibile affetto l’uno per l’altra. Il film, girato a Tropea all’interno di Villa Paola, è una co-produzione Italia / Argentina di Alfredo Federico, Simona Banchi e Gaston Gallo per 39FILMS e MG Producciones, realizzato in associazione con Adler Entertainment e Laser Digital Film, in collaborazione con Rai Cinema, con il contributo del Mic – Ministero della Cultura e con il sostegno della Calabria Film Commission.

You May Also Like

“Te l’avevo detto”, un film tremendamente visionario

“Arf”, il racconto animato del candore che sfidò il dittatore

“Il punto di rugiada”, l’incanto di un film d’autore

Quando un film si fa specchio delle distorsioni social