Alzheimer, Paolo Ruffini insegna ad amare “PerdutaMente”

Ha una delicatezza e profondità di pensiero e sentimenti da riportare alla mente “Still Alice” con Julianne Moore, “Ella & John” di Paolo Virzì e “The Father” con Anthony Hopkins. Eppure, non è un film di finzione, ma un documentario condotto da un attore, autore e regista che ama far ridere, ma che ha già mostrato in più di un’occasione la sua attenzione ai temi sociali, non ultimo con il Progetto UP&Down, un happening comico con attori con sindrome di Down: prima spettacolo teatrale, poi documentario cinematografico e, infine, libro col titolo, questo, di “La Sindrome di UP” (edito da Mondadori). Come i film sopra citati, il 43enne livornese Paolo Ruffini in “PerdutaMente”, diretto a quattro mani con Ivana Di Biase, affronta il pianeta Alzheimer. Il suo è un viaggio su e giù per l’Italia con l’intento di raccontare una realtà che coinvolge nel nostro Paese circa 1 milione di pazienti e circa 3 milioni di loro familiari. È un cammino che fa con una dolcezza infinita, testimoniando l’identità di chi perde la memoria, ma non i sentimenti: “Io non so chi sei, ma so di amarti”. Il morbo di Alzheimer, malattia neurodegenerativa che colpisce il sistema nervoso centrale, determina decadimento fisico e cognitivo, perdita di memoria, coscienza e percezione del sé e della realtà. Non c’è una cura, però c’è il prendersi “cura” quotidiano di chi è vicino a chi ne è affetto. Paolo Ruffini connette simbolicamente tanta dedizione a un diapason che raccorda l’armonia di questo amore così unico e speciale. La prima intervista comincia con la domanda: “Che cosa significa prendersi cura di un malato di Alzheimer?”. La risposta? Semplicemente: “Amare”. A darla è Franco che sarà un po’ il Virgilio epistolare di Paolo Ruffini in questo tragitto puntellato da vera partecipazione e ascolto, frutti entrambi di incommensurabile amore. Quasi a rimarcare il concetto, la distribuzione affidata a Luce Cinecittà fa uscire “PerdutaMente” per San Valentino, con una tre giorni evento il 14, 15 e 16 febbraio.

Prodotto da Paolo Ruffini e Nicola Nocella per Vera Film, e Antonino Moscatt e Angelisa Castronovo per Well See (in collaborazione con la Fondazione Polli Stoppani e con il contributo di Roberto Cavalli), “PerdutaMente” aiuta a far conoscere e comprendere tutto ciò che ruota attorno al mondo Alzheimer. “Attraversando l’Italia ho avuto il privilegio di entrare nelle case di persone sconosciute e straordinarie, che hanno condiviso con noi le loro storie. Storie di vite fuori dal comune, storie segnate dall’Alzheimer, storie di dolore e disperazione, ma soprattutto storie d’amore. La traccia seguita, nel corso di questa indagine, è stata la differenza tra cura e guarigione. Quello che ho imparato è che dal morbo di Alzheimer non è possibile guarire, ma è possibile curare, se non la malattia, la persona, proprio con l’amore”, sottolinea Paolo Ruffini la cui sensibilità profusa è disarmante, come uno di quegli abbracci che sanno di profumo di pane appena sfornato.

You May Also Like

“Nostalgia” di Mario Martone, la grazia di un sentire concreto

“Karate man”, la forza di non arrendersi

“Quel che conta è il pensiero”, esordio geniale per Luca Zambianchi

“Noi due”, l’autenticità disarmante di un padre e un figlio