E se Babbo Natale non vivesse in Lapponia?

Tradizione religiosa o laica, Babbo Natale riempie di gioia i cuori di ogni bambino. L’attesa del dono da spacchettare è una fiaccola di speranza. Ma da dove nasce questa consuetudine mondiale? Una risposta tra le più esaustive la offre il documentario “Nicola – Cozze, kebab & Coca Cola” di Antonio Palumbo, cineasta barese classe 1973, che ha intrapreso un incredibile viaggio sulle orme di San Nicola. Sorprenderà che parte dall’Italia e, attraversando Belgio, Francia, Olanda, Regno Unito, Russia e Stati Uniti, giunge in Turchia, ma non toccherà la Lapponia, in particolare Rovaniemi, la città ufficiale di Babbo Natale. Come mai? Dando un morso ad un panino con mortadella e provolone, intonando canzoni natalizie e basandosi su tradizioni scritte ed altre evidenze storiche in un altalenarsi di leggenda e realtà, Palumbo ricostruisce la devozione ed ammirazione di bambini e adulti per il santo miroblita (il cui corpo, prima o dopo la morte, emana fragranza) le cui spoglie sono conservate in più luoghi. Una accreditata tradizione vuole che nella notte tra il 5 e il 6 dicembre, giornata della sua ricorrenza, San Nicola porti i doni ai bambini, ma la sua fama internazionale ha fatto sì da incontrare vari popoli ed essere conosciuto con vari nomi, soprattutto come Santa Claus, acquisendo un aspetto corpulento, che non apparteneva al vescovo greco di Myra, e diventando negli anni Trenta la star delle pubblicità Coca Cola. “Una piccola opera pop in onore del mio santo. Il santo di tutti”, dice Antonio Palumbo (qui in veste di regista, autore e protagonista) di questo documentario godibile ed istruttivo sulle tradizioni che non conoscono confini e che mutano col variare dei meridiani e paralleli! Presentato come evento speciale al Festival del Cinema Europeo di Lecce, il film “Nicola – Cozze, kebab & Coca Cola” sarà al cinema il 6, 7 e 8 dicembre a Bari, nei cinema Ciaky, Galleria (qui è prevista un’anteprima il 5 dicembre alle 20.45) e Showville, e, solo il 7, a Polignano a Mare, al cinema Vignola; un piccolo assaggio pugliese prima di intraprendere un lungo viaggio nelle sale italiane e non solo (il programma delle uscite è in costante aggiornamento).

You May Also Like

“Tutti amano Jeanne”, Céline Devaux prova a raccontare la depressione con infinita leggerezza

Karawan Fest, abbatte i muri con i film e il sorriso

Carlos Eichelmann Kaiser, una toccante storia di accettazione e comprensione

I registi Beronio e Tafuri in un viaggio attorno al teatro guidati dal filosofo Sini