“Boys”, la storia di chi è ancora capace di sognare

“Sognare tiene vivo il mondo. Questa è la storia di gente che è ancora capace di sognare!”, così Davide Ferrario (classe 1956) su “Boys”, il film di apertura del 67esimo Taormina Film Fest, che sarà al cinema dal 1 luglio distribuito da Adler Entertainment. “È un film nato per la condivisione in sala. Ad ora sarà su 300 schermi. L’aver scelto di uscire subito, in contemporanea col festival, per noi è un segnale di ripartenza”, sottolinea Ferrario che, oltre alla regia, firma anche la sceneggiatura a quattro mani con Cristiana Mainardi (lei è pure produttrice assieme a Lionello Cerri per Lumière & Co. con Rai Cinema). Questo film racconta la storia di un’amicizia tra sessantenni che rimettono in piedi la loro band rock, i Boys appunto come da titolo, e si avvale di un cast affiatato con attori in qualche caso già musicisti. Ci sono Neri Marcorè, Marco Paolini, Giovanni Storti e Giorgio Tirabassi, un vero poker d’assi, affiancati da Isabel Russinova, Saba Anglana, Giorgia Wurth, Zoe Tavarelli e Paolo Giangrasso. La colonna sonora è firmata dal Maestro Mauro Pagani che ha riaperto un cassetto impolverato ritrovando dentro delle note meravigliose che aveva accantonato, dotate di rara freschezza.

You May Also Like

Karawan, quando l’incontro tra culture passa dal sorriso

Roberto Benigni, la purezza dei sentimenti di un cineasta poeta

I bambini, un tesoro da salvare: meraviglioso il film “Figli del sole”

“Dau. Natasha”, il film che fa respirare l’aria asfissiante della totalitaria Urss