“X & Y – Nella mente di Anna”, attori e spettatori nudi di fronte alla Odell

I suoi occhi sono magnetici, sembrano scrutare, indagare e possedere chi li guarda. Sono quelli della regista ed artista concettuale svedese Anna Odell (classe 1973) nel suo nuovo film “X & Y – Nella mente di Anna” (durata 108″), nei cinema italiani dal 24 giugno. La cineasta si chiude in uno studio con altri sette attori che percepiscono la presenza dei produttori quasi a giocare sul filo di cinema e metacinema. Pone se stessa alla conquista di quello che è considerato un “vero maschio” in Svezia, Mikael Persbrandt, e col quale decide di mettersi a nudo in ogni senso senza alcuna inibizione. Il loro spazio d’azione è fondamentalmente dato da: una camera dell’interrogatorio, costruita come nei polizieschi, in cui dirsi tutta la verità (una sorta di “confessionale” degli amanti del reality “Grande fratello”); e due camere da letto con quattro posti perché sia Anna che Mikael hanno tre alter ego ciascuno per far spiccare parti diverse del loro carattere e della loro personalità. Così ad Anna Odell e Mikael Persbrandt si aggiungono gli attori Trine Dyrholm, Jens Albinus, Vera Vitali, Shanti Roney, Sofie Gråbøl e Thure Lindhardt. Il tema primario con cui sono chiamati a confrontarsi è una sorta di braccio di ferro tra i sessi, la questione di leadership tra il maschile e il femminile, senza pregiudizi e pudori, fino al vero possesso e/o godimento del corpo dell’altro in uno sperimentare sensazioni ed emozioni audaci, coraggiose, autentiche. Guardando il film a volte si ha la sensazione di un vero e proprio reality alla “Grande fratello” – a cui si accennava prima, ma qui trattandosi di Anna Odell potremmo dire “Grande sorella” -, altre volte si pensa di assistere ad una performance artistica che è stata raccolta in un film. Il copione è invocato più volte e a più voci, ma Anna Odell – ideatrice, regista ed attrice – è tutta presa dal furore della sua libertà creativa e da un racconto che si fa mentre succedono i fatti che resta quasi sorda a questa richiesta. Il film pone lo spettatore nel dilemma continuo se ciò che vede è reale o finzione senza trovare la risposta. I vari elementi della narrazione del gioco dei ruoli vengono più volte mischiati, vissuti e raccontati così che il confine tra la verità dell’essenza umana e quella del fare artistico si fa labile. Cosa avviene davvero? Questa sperimentazione artistica dove porta o vuole condurre? Anna Odell, già mamma, chiude il film in attesa di quello che viene definito un “figlio d’arte”: chi è il padre? Persbrandt? Uno degli altri attori? E chi è Anna Odell? Una grande artista, una grande attrice, una visionaria o una che sperimenta un vivere senza porsi alcun limite, pudore e inibizione? La confusione, l’imbarazzo e l’incredulità che traspaiono attraverso le telecamere sono provate davvero dagli attori o vengono vissute solo dai “ruoli” loro assegnati? Una cosa è certa: queste stesse sensazioni sono provate anche dallo spettatore che si vede immerso nel racconto senza avere alcuna zona comfort, ma trovandosi anche lui nudo, completamente nudo, di fronte a questa rappresentazione firmata Anna Odell.

You May Also Like

Con “Un altro ferragosto” Paolo Virzì firma un altro capolavoro

“Te l’avevo detto”, un film tremendamente visionario

“Arf”, il racconto animato del candore che sfidò il dittatore

“Il punto di rugiada”, l’incanto di un film d’autore