“Tutti per Uma”, debutto alla regia con brio per Susy Laude

Metti degli sceneggiatori in ascesa, degli attori dai tempi comici giusti e un’attrice che debutta alla regia con lo sguardo al suo ricco background fatto di operetta, di comiche alla Stanlio e Ollio e Buster Keaton e del mondo incantato Disney con in testa Mary Poppins e si arriva alla fiaba cinematografica “Tutti per Uma”, una commedia per famiglie in uscita “finalmente al cinema”, com’è sottolineato in locandina, il 2 giugno in (minimo) 150 copie (una coproduzione italo/austriaca – Camaleo, Elly Film e Vision Distribution -, in Austria uscirà a novembre). Da un soggetto di Alessandro Bardani, Severino Iuliano e Paola Pessot – quest’ultima firma anche la sceneggiatura a quattro mani con Sole Tonnini -, nasce la storia della famiglia di viticoltori Ferliga tutta al maschile, composta da: nonno Attila (Antonio Catania), padre padrone all’antica; il fratello minore Dante (Lillo Petrolo), bambinone mai cresciuto; il figlio Ezio (Pietro Sermonti), vedovo che si è dato all’apicoltura; e i nipotini Francesco (Gabriele Ansanelli), appassionato di danza, ed Emanuele (Valerio Bartocci), il più piccolo, chiamato “nano”, che è il narratore della storia. Di questo racconto fanno parte anche il cane Mimmo, la principessa Uma (Laura Bilgeri, attrice austriaca figlia d’arte), e il cattivo Viktor, interpretato dal bravissimo Dino Abbrescia. In scena e nella vita sua moglie è Susy Laude (nel film recita anche loro figlio Nico nei panni di Jonas) che fa il suo esordio alla regia in un lungometraggio con brio e delicatezza (anche se una sua “sberla” al ciak è già leggenda tra gli addetti ai lavori!). “Sono soddisfatta, sono riuscita a raccontare tutto il mondo che avevo in testa. Il mio direttore della fotografia, Marcello Montarsi, mi ha tenuto per mano – afferma Susy Laude in conferenza stampa streaming -. Le fiabe devono essere raccontate. Credo sia fondamentale dare la speranza ai ragazzi che nella vita succedono cose belle. I sogni si realizzano ed io c’ho creduto”.

You May Also Like

“Songbird”, l’umanità alla prova della resistenza da Covid-23

Nastri d’argento, la 75edizione premia film ricchi di poesia e outsider

“Appunti di un venditore di donne”, un avvincente giallo italiano in una torbida Milano anni Settanta

Taormina Film Fest, si ricomincia da tre