“Tutti per Uma”, debutto alla regia con brio per Susy Laude

Metti degli sceneggiatori in ascesa, degli attori dai tempi comici giusti e un’attrice che debutta alla regia con lo sguardo al suo ricco background fatto di operetta, di comiche alla Stanlio e Ollio e Buster Keaton e del mondo incantato Disney con in testa Mary Poppins e si arriva alla fiaba cinematografica “Tutti per Uma”, una commedia per famiglie in uscita “finalmente al cinema”, com’è sottolineato in locandina, il 2 giugno in (minimo) 150 copie (una coproduzione italo/austriaca – Camaleo, Elly Film e Vision Distribution -, in Austria uscirà a novembre). Da un soggetto di Alessandro Bardani, Severino Iuliano e Paola Pessot – quest’ultima firma anche la sceneggiatura a quattro mani con Sole Tonnini -, nasce la storia della famiglia di viticoltori Ferliga tutta al maschile, composta da: nonno Attila (Antonio Catania), padre padrone all’antica; il fratello minore Dante (Lillo Petrolo), bambinone mai cresciuto; il figlio Ezio (Pietro Sermonti), vedovo che si è dato all’apicoltura; e i nipotini Francesco (Gabriele Ansanelli), appassionato di danza, ed Emanuele (Valerio Bartocci), il più piccolo, chiamato “nano”, che è il narratore della storia. Di questo racconto fanno parte anche il cane Mimmo, la principessa Uma (Laura Bilgeri, attrice austriaca figlia d’arte), e il cattivo Viktor, interpretato dal bravissimo Dino Abbrescia. In scena e nella vita sua moglie è Susy Laude (nel film recita anche loro figlio Nico nei panni di Jonas) che fa il suo esordio alla regia in un lungometraggio con brio e delicatezza (anche se una sua “sberla” al ciak è già leggenda tra gli addetti ai lavori!). “Sono soddisfatta, sono riuscita a raccontare tutto il mondo che avevo in testa. Il mio direttore della fotografia, Marcello Montarsi, mi ha tenuto per mano – afferma Susy Laude in conferenza stampa streaming -. Le fiabe devono essere raccontate. Credo sia fondamentale dare la speranza ai ragazzi che nella vita succedono cose belle. I sogni si realizzano ed io c’ho creduto”.

You May Also Like

“Nostalgia” di Mario Martone, la grazia di un sentire concreto

“Karate man”, la forza di non arrendersi

“Quel che conta è il pensiero”, esordio geniale per Luca Zambianchi

“Noi due”, l’autenticità disarmante di un padre e un figlio