“Genitori Vs Influencer”, Michela Andreozzi firma la commedia più “social” che ci sia

Parte in quinta ma arriva in terza la commedia “Genitori Vs Influencer”: la prima parte è scoppiettante, la seconda ha tempi lunghi, forse un po’ più riflessivi. In ogni caso è coinvolgente dall’inizio alla fine il nuovo film di Michela Andreozzi, scritto a quattro mani con Fabio Bonifacci, sulla nuova generazione assorbita dai social network al punto da rendere incomunicabile il rapporto con i genitori. Però se il papà ha il volto di Fabio Volo non può che fare di tutto per imparare il linguaggio della propria figlia, diventando protagonista lui delle storie più acchiappa like! È la storia che si narra in questo film che gode nel cast anche della bravissima diciassettenne Ginevra Francesconi, dell’influencer (pure nella vita) Giulia De Lellis, di una sempre brava Paola Tiziana Cruciani, di un effervescente Nino Frassica, di una genuina Paola Minaccioni, di un convincente Massimiliano Vado e di un versatile Massimiliano Bruno. A loro si uniscono Barbara D’Urso, Alessia Marcuzzi e Nicola Savino che fanno se stessi. Ad aggiungere bellezza e ritmo al film c’è la colonna sonora di Pacifico che precisa: “La canzone ‘Le Mie Parole’, nella versione di Samuele Bersani, è a commento di una scena importante del film. A questa, e alle musiche scritte appositamente, ho aggiunto un pezzo inedito, ‘Gli anni davanti’. Anche in questa canzone, come in molte delle mie, ho cercato di metterci un’esortazione, un invito a guardare con voglia e speranza agli anni che verranno”. “Genitori Vs Influencer” fotografa lo spirito del tempo con tutte le contrapposizioni tra generazione Boomers e Zeta. “Mi incuriosiva raccontare il rapporto di un padre con una figlia adolescente, l’età in cui si rompe il cordone ombelicale – racconta Michela Andreozzi -. Ai miei tempi si discuteva per le fughe in motorino e il tornare tardi la sera, adesso il terreno di scontro è quello dei social network, che da un anno a questa parte sono però parte integrante della vita di tutti. Questo film parla di incontri, di mondi diversi che riescono a dialogare e della caduta dei pregiudizi. Abbiamo lavorato più di un anno sulla sceneggiatura per essere aderenti alla realtà”. Prodotta da Sky Original, con Paco Cinematografica e Vision Distribution, questa commedia sarà in onda domenica 4 aprile, su Sky Cinema e in streaming su Now (disponibile anche on demand). “La collocazione a Pasqua – spiega Margherita Amedei, direttore di Sky Cinema – rappresenta per noi la possibilità di dare un messaggio di serenità e divertimento in una giornata particolare”. La riflessione di Nino Frassica sui social? “Sono un mondo selvaggio: prima all’uscita di un film si aspettava la critica sul giornale di uno che aveva studiato, ora chiunque scrive e dice la sua!”.

You May Also Like

“Nostalgia” di Mario Martone, la grazia di un sentire concreto

“Karate man”, la forza di non arrendersi

“Quel che conta è il pensiero”, esordio geniale per Luca Zambianchi

“Noi due”, l’autenticità disarmante di un padre e un figlio