Quando l’autistico parla al neurotipico con le immagini: è tempo di As Film Festival OnTheRoad

Il cinema come mezzo per promuovere una cultura dell’autismo e favorire la diffusione di una corretta informazione: in occasione della Giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo, in agenda venerdì 2 aprile, torna As Film Festival OnTheRoad con l’iniziativa “La neurodiversità in viaggio”, un progetto pensato per raccontare l’autismo attraverso una selezione di 50 cortometraggi tematici. “Il cinema – dicono gli organizzatori dell’associazione Not Equal, tutti giovani adulti nella condizione autistica – sembra essere il modo più immediato per parlare di neurodiversità, per permettere al pubblico neurotipico di imparare a relazionarsi con gli autistici, coglierne le specificità, ribaltare preconcetti e falsi stereotipi. I cortometraggi, in particolare, hanno il pregio di raccontare piccole grandi storie che raramente si vedono sul grande schermo e che nascono spesso da una sincera e talvolta pressante urgenza comunicativa. Si tratta spesso di opere prime, anche tesi di laurea, realizzate da autori giovani che intendono esplorare temi a loro cari, e non è difficile quindi imbattersi in cortometraggi realizzati da fratelli di persone autistiche o autistici che vogliono raccontarsi”. “L’idea iniziale – proseguono i ragazzi – era quella di organizzare eventi dal vivo in giro per l’Italia, in collaborazione con le tante realtà che, come la nostra, lavorano quotidianamente e dal basso per la tutela e l’autoaffermazione di persone nello spettro autistico. Purtroppo, a causa della pandemia, abbiamo dovuto reinventare questo viaggio: l’appuntamento è quindi sul sito www.asfilmfestival.it, a partire dal 25 marzo e fino al 15 aprile”. Per accedere alle proiezioni basterà registrarsi gratuitamente al sito. I corti, organizzati per l’occasione in cinque gruppi tematici (Noi e gli altri, Relazioni familiari, Interessi e passioni, Amore e sessualità, L’autismo raccontato da noi), saranno introdotti e commentati da persone neurodiverse.

You May Also Like

“Nostalgia” di Mario Martone, la grazia di un sentire concreto

“Karate man”, la forza di non arrendersi

“Quel che conta è il pensiero”, esordio geniale per Luca Zambianchi

“Noi due”, l’autenticità disarmante di un padre e un figlio