Alla Farnesina si vara “italiana”, il portale che promuove la nostra cultura

Sulla carta sembra un’opportunità per tutta l’arte tricolore, ma solo l’effettiva operatività futura testerà la bellezza di questa iniziativa. È nata italiana (italiana.esteri.it), il portale della Farnesina per la promozione della lingua, della cultura e della creatività italiana nel mondo. “Un progetto che vede il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale impegnato sia come promotore che come produttore di iniziative di promozione integrata”, così si presenta nella nota stampa, “italiana”, quale “risposta della Farnesina alla domanda di cultura italiana nel mondo. Un contenitore unico dove troveranno spazio – gratis per il pubblico – musica, letteratura, poesia, cinema, teatro, arti visive, web art, ma anche architettura, design, storia, archeologia, enogastronomia. Un investimento per lo sviluppo del comparto culturale e creativo italiano, colpito profondamente dalla pandemia ma che non ha mai smesso di immaginare, produrre e far sognare. Un settore che punta all’innovazione e alla crescita anche sul piano internazionale”. Tra i testimonial di questa partenza il jazzista Paolo Fresu, la scrittrice Michela Murgia, la chef Marianna Vitale e l’archeologa Marcella Frangipane che danno con le loro diverse personalità lo spirito di un’iniziativa che vuole essere onnicomprensiva. In particolare, il calendario del primo semestre dell’anno comprende l’articolato palinsesto degli appuntamenti legati al settecentesimo anniversario dalla morte di Dante Alighieri, il progetto su Geronimo Stilton dedicato ai più piccoli e la diffusione online di “Quasi Grazia”, il “romanzo in forma di teatro” di Marcello Fois, con la Murgia nel ruolo della scrittrice Grazia Deledda, di cui a settembre ricorreranno i 150 anni dalla nascita.

You May Also Like

Polesine, terra di teatri: il ricordo a Palazzo Roncale di Rovigo

Appello per una mostra di Pompeo Vorrasi a Fragneto Monforte (Bn)

L’artista Alessandro Cavoli lancia sul fiume Velino l’idea di un museo galleggiante

Romaison, i costumi cinematografici delle sartorie romane riconquistano la scena