“I love… Marco Ferreri”, il valore di uno sguardo anticonformista

Ha diretto Gérard Depardieu, Marcello Mastroianni, Ugo Tognazzi e Roberto Benigni, solo per fare qualche nome. Dissacrante e anticonformista, ha criticato la società occidentale in maniera irriverente, talvolta con veemenza. È Marco Ferreri (Milano, 11 maggio 1928 – Parigi, 9 maggio 1997), vincitore del Gran Premio della Giuria a Cannes, dell’Orso d’oro a Berlino, del David di Donatello e di Nastri d’argento. Eppure nell’ultimo suo film si cela il destino amaro di essere caduto nel dimenticatoio del cinema: “Nitrato d’argento”, dal nome della sostanza che si usava per la pellicola che oggi è stata soppiantata dal digitale. Lui che diceva che i buoni film dovevano incassare per farne di nuovi, chiude con un’opera che non convinse al botteghino e dopo la sua morte è finito nella soffitta della settima arte, poche volte annoverato e richiamato. In occasione del ventennale della sua morte (nel 2017), il giornalista e cineasta Pierfrancesco Campanella ha messo in scena un misterioso detective (impersonato da Fabrizio Rampelli) che, mosso da incubi notturni, va sulle tracce di Ferreri attraverso i suoi frame per capire cosa è successo. In questa narrazione di circa un’ora e venti le immagini dei film di ieri s’intrecciano con le riflessioni odierne degli attori Michele Placido e Piera Degli Esposti, dello scrittore e regista Emanuele Pecoraro, dell’operatore culturale Franco Mariotti, del critico Orio Caldiron, del docente universitario Fabio Melelli e del pittore Mario D’Imperio. Prodotto e distribuito dalla Cinedea srl, “I love… Marco Ferreri” è una valida testimonianza dello sguardo anarchico del cineasta capace di interrogarsi sulla crisi dei valori occidentali utilizzando un linguaggio che sposa metafore talvolta ardite ma ad effetto. Il documentario è ora disponibile on demand su piattaforma CG Digital (www.cgentertainment.it).

You May Also Like

“Nostalgia” di Mario Martone, la grazia di un sentire concreto

“Karate man”, la forza di non arrendersi

“Quel che conta è il pensiero”, esordio geniale per Luca Zambianchi

“Noi due”, l’autenticità disarmante di un padre e un figlio