Due motivi per guardare “Bronx 80146” sulla criminalità a Napoli? L’omaggio alla polizia e la colonna sonora

Ci sono racconti sulle organizzazioni criminali che, anche se non è il loro intento, portano lo spettatore a simpatizzare per il cattivo di turno. Nessuno può negare, ad esempio, che la camorra raccontata da “Gomorra” conduce lo spettatore ad empatizzare con “l’immortale” Ciro Di Marzio. Partendo da questa considerazione e da uno che è stato nel cast di quella serie – Riccardo Avitabile che interpreta il contabile nella seconda stagione -, per contrasto, non si può non apprezzare “Bronx 80146 – Nuova squadra catturandi” che di questo attore segna l’esordio alla regia in un lungometraggio e che, nel dipanarsi del racconto, fa crescere l’avversione per la criminalità e per tutto ciò che la innalza a sistema nel tessuto sociale. In soli 65 minuti, questo film, girato tra le strade di Napoli, descrive l’organizzazione criminale che tiene in pugno il quartiere periferico di San Giovanni a Teduccio (contrassegnato dal Codice di avviamento postale di Napoli “80146” del titolo), chiamato Bronx per la violenza, l’usura, la prostituzione e la droga che da sempre attanagliano la popolazione residente: qui la camorra si muove indisturbata, nonostante l’alacre quotidiano lavoro di un piccolo comando di Polizia. Ma un giorno forse, grazie ad un infiltrato e ad un ragazzino che ha visto suo padre cadere a terra crivellato di colpi, qualcosa potrebbe iniziare a cambiare… “Bronx 80146”, prodotto da Ipnotica e in catalogo su Prime Video (distribuito da 102 Distribution), è stato sceneggiato da Rico Torino – che è anche protagonista del film in qualità di ispettore e che in passato ha già mostrato acuta sensibilità alle tematiche sociali (nel 2015 scrive e dirige un cortometraggio di denuncia contro la violenza sulle donne) – con la volontà di voler omaggiare la Polizia di Stato riuscendo bene in questo intento. Peccato però che non tutte le interpretazioni siano notevoli come la sua o quella di Christian Maglione (al suo primo film come attore, il giovane diciottenne lavora in un salone di parrucchiere per sostenersi agli studi). A compensare questa piccola debolezza del film intervengono le note che rendono plastiche le emozioni: nei titoli di coda si legge musiche targate Francesco Giuliano Me.Mo. Music di Alex Moschetto e Gianni Mezzo, e colonna sonora “Bronx 80146 – Nuova Squadra Catturandi” di Seiell.

You May Also Like

“Nostalgia” di Mario Martone, la grazia di un sentire concreto

“Karate man”, la forza di non arrendersi

“Quel che conta è il pensiero”, esordio geniale per Luca Zambianchi

“Noi due”, l’autenticità disarmante di un padre e un figlio