Sempre più contagiosa l’allegria di “Che Dio ci aiuti”

“Torniamo a casa sotto vari punti di vista. Il convento – prima a Modena e a Fabriano, ora ad Assisi – è un po’ una casa che accoglie gli spettatori da anni e li riaccogliamo con la stessa allegria, follia e con dinamiche che sono quelle tipiche di ‘Che Dio ci aiuti’, ma con tante novità: un passato con cui Suor Angela dovrà fare i conti, perché torna nei luoghi che la rimettono in contatto con la sua storia familiare, e nuovi personaggi che mandano all’aria le dinamiche che sembravano andare verso un certo tipo di approdi. Ci sarà la rivoluzione dei fan che poi alla fine finiranno per seguirci”, così Elena Sofia Ricci che torna nei panni di Suon Angela per la sesta stagione di “Che Dio ci aiuti”, vincente serie tv che per altre 10 serate (venti episodi) porterà la famiglia a stringersi sul divano come un porto sicuro dove sognare e lasciarsi andare alle emozioni. L’appuntamento è su Rai1 dal 7 gennaio, per la regia di Francesco Vicario e una sceneggiatura supervisionata da Umberto Gnoli e Silvia Leuzzi. Accanto a Suor Angela, che dovrà fare i conti col suo passato – in particolare, con suo padre, Primo (Luigi Diberti), con cui non ha più rapporti da anni -, tornano a circondarla di esplosioni di gioia e problemi: Azzurra (Francesca Chillemi), che ha appeso al chiodo le sue scarpe Chanel per portare al collo il Crocefisso; Nico (Gianmarco Saurino) e Ginevra (Simonetta Columbu), pronti a raccogliere fiori d’arancio; e suor Costanza (Valeria Fabrizi), che dovrebbe farsi da parte per lasciare spazio alla nuova Madre Superiora del convento. Alla gioia del ritorno di Monica Giulietti (Diana Del Bufalo), si aggiungono in convento nuovi personaggi: Erasmo (Erasmo Genzini), molti tatuaggi e faccia tenera e sfrontata; Emiliano Stiffi (Pierpaolo Spollon, che come Saurino è nel cast di “Doc – Nelle tue mani”), giovane psichiatra sulla trentina; Carolina (Isabella Mottinelli), 20 anni, che sa sempre quello che vuole e come fare per ottenerlo; e Penny (Olimpia Noviello), otto anni, grandi occhi e sorrisi che pian piano le riaffiorano sul viso. Penny è la piccola cantastorie del Convento degli Angeli, ma tra i cuccioli del team c’è anche Mattia (Damiano Cuccuru), il bambino che ritroveremo mano nella mano con Nico.

“In questa stagione al centro c’è il passato di Suor Angela, il rapporto col padre e la famiglia. Sarà una Suor Angela diversa, una suora piena di dubbi e paure – anticipa Umberto Gnoli -. Nuovi personaggi, come Erasmo, scopriremo che fanno parte di questo passato. Come tutti i protagonisti, anche Erasmo è un ragazzo in crisi, ma Suor Angela alla fine con umanità e forza riesce ad aiutarli tutti. Questa volta, però, anche lei dovrà fare la sua scelta giusta. Tutti nella serie cambiano e si evolvano, come è accaduto ad Azzurra, che da ragazza superficiale dal cuore grande è diventata una donna che ha scoperto Dio e la ritroveremo con altri abiti, scoprendola novizia, ma con la stessa follia”. “Azzurra indossa abiti diversi, per forza è cambiata – rimarca Francesca Chillemi -. La parte più frivola e inutile l’abbandona, ma rimane con la sua ironia e la sua ignoranza. È divertente anche quest’anno: è un personaggio fedele alle origini”. “Questa è la mia prima casa, sono prestato al camice (‘Doc’, ndr) – spiega Gianmarco Saurino -. L’aspetto professionale in questa serie non è così importante. Qui ritrovo una leggerezza con uno dei miei primi personaggi che vive di alcune relazioni automatiche con gli altri. Il più bel giorno di set? Quando abbiamo girato in campagna con le galline che ci aggredivano e irrompevano nelle scene!”. “Quest’anno vedremo una Ginevra diversa: la sua ingenuità è invariata, ma è più donna e più sicura di se stessa così da mettere in dubbio molte cose – osserva Simonetta Columbu -. Per lei, l’arrivo di Diana è un’occasione per guardarsi dentro”. “Sono felice di essere tornata, creerò un po’ di scompiglio – avverte Diana Del Bufalo -. Quest’anno c’è da ridere tanto, ma anche piangere. Monica è cresciuta, è molto più adulta ed ora ha un risvolto drammatico”. “Sono stato fortunato, tutti mi hanno accolto. Elena Sofia Ricci è gentilissima e mi ha aiutato a capire le dinamiche in diverse scene. Il mio personaggio è uno psichiatra dell’infanzia che si troverà in un triangolo amoroso – dichiara Pierpaolo Spollon -. Dal punto di vista medico, in ‘Doc’ si è nel momento operativo del lavoro, qui l’aspetto professionale è in secondo piano, la leggerezza è molto più sviluppata, ho sublimato la necessità di ridere e l’essere autoironico: il mio personaggio è molto in imbarazzo nel momento in cui vede la sua amata!”. “Interpreto un ragazzo di 27 anni alla ricerca di risposte relative alla madre. Ha un carattere molto chiuso, fa fatica ad approcciare ed è abbastanza tenebroso – racconta Erasmo Genzini -. A tratti non va d’accordo con tutti, poi con l’aiuto dei personaggi del convento crea dinamiche utili che lo aiutano a trovare risposte sul suo passato”.

“Per Suor Costanza non ci sono novità: è lì che aspetta sempre di sapere qualcosa – dice Valeria Fabrizi -. Io vorrei una storia della mia vita, casomai nella settima stagione, sempre se sono ancora viva con questo cazzarola di Covid!”. “È stato un anno difficile, siamo tutti consapevoli di essere stati fortunati di aver potuto lavorare. I momenti più dolorosi sono stati quando qualcuno di noi si scopriva che era stato colpito dal Covid. C’è chi ha reagito molto bene, chi con più difficoltà, perché questo virus non si sa come agisca nel corpo di ognuno. Nonostante qualche caso abbia colpito anche noi, ringrazio la Lux che ci ha messo al sicuro – afferma Elena Sofia Ricci -. Grazie ai tre tamponi a settimana e al fatto di aver lavorato sempre con la mascherina ffp2, siamo andati avanti supportati da Vicario, una troupe fantastica e colleghi meravigliosi, a partire da Valeria Fabrizi, che considero la mia mamma e una grande maestra di vita, e i miei ragazzi che amo in maniera incondizionata e mi commuovono ogni volta, anche se ridiamo molto spesso. Sul set ci sentiamo tutti un po’ a casa. In questa stagione, girando simultaneamente i 20 episodi, tutto deve scorrere in modo molto veloce ed elastico: premiamo l’acceleratore e mettiamo la sesta! Amo fare ‘Che Dio ci aiuti’: raccontiamo un modo di incedere nella vita con gioia e speranza tali da essere contagioso”. Ci sarà la settima stagione? Gnoli: “Ci speriamo”. Elena Sofia Ricci: “Chi lo sa. Ci mandano in onda e questa non è ancora completata, intanto finiamo questa!”.

You May Also Like

Prime Video, l’hub di intrattenimento che valorizza i talenti italiani

“Di4ri”, la serie sulla preadolescenza che conquisterà tutti

“Don Matteo 13”: un brand a cui è difficile rinunciare

Con “Noi” arriva un carico di umanità autentica