“Tutti per 1, 1 per tutti”: il regalo fiabesco e allegro di Sky

“Tutti per 1, 1 per tutti”, il film di Natale di Sky, è una fiaba che mette al centro i bambini ed è una cosa che va dritta al cuore. È tenera e romantica la storia tra i due piccoli protagonisti, il piccolo Uno, soprannominato Buffon, e la dolce Principessa Ginevra, che si innesta nella storia dei Tre Moschettieri; ed è bello vedere crescere un piccolo grande talento come Federico Ielapi – “Don Matteo” e “Pinocchio”, tra le sue interpretazioni più importanti, oltre a “Moschettieri del re. La penultima missione” di Giovanni Veronesi, dal cui successo parte questa nuova avventura cavalleresca -, capace con il suo sguardo e la sua voce di aggiungere un tocco di genuinità ed autenticità unici.

“Goliardici” ma più “arrugginiti”, ritroviamo così i Moschettieri – D’Artagnan, alias Pierfrancesco Favino (qui dalla parlata che da sola vale un sorriso), Porthos, al secolo Valerio Mastandrea, e Athos, un “labirintico” Rocco Papaleo -, richiamati dalla Regina Anna d’Austria (Margherita Buy), un po’ “bacchettona”, per una nuova missione segreta, mascherata da una sorta di marcia di trionfo. Però attenzione, il regista Giovanni Veronesi – che ha scritto anche soggetto e sceneggiatura assieme a Ugo Chiti, Giulio Calvani e Nicola Baldoni -, mette in guardia che “non si tratta di un sequel, è un film a sé che prende forma dalla fantasia”. Qui ci troviamo di fronte ad un sogno che prende il via dal libro di Alexandre Dumas per calarsi, anima e corpo, in una nuova magica e rocambolesca avventura, spaziando dal ‘600 alla realtà odierna con libertà e allegria. Se l’amaro oggi è visibile all’inizio attraverso una scolaresca che indossa le mascherine, il film vola poi sulle ali della leggerezza e regala gioia.

Guidati da una singolare veggente di nome Tomtom (interpretata da Giulia Michelini che nel precedente film sui Moschettieri di Veronesi era Milady), un po’ motore di ricerca e un po’ navigatore satellitare, i tre prodi – sempre più scanzonati – si lanceranno in un viaggio mirabolante che intreccerà i destini della piccola Principessa Ginevra (Sara Ciocca), figlia di Enrichetta d’Inghilterra (Anna Ferzetti), e del preziosissimo Uno (Ielapi, nel precedente film sui Moschettieri di Veronesi era Antonio), un giovanissimo, perspicace e riccioluto orfanello. Tra mille peripezie e incontri incredibili, come quello con Cyrano (Guido Caprino), questa sgangherata carovana si troverà ad affrontare la più dura delle prove: scegliere tra la fedeltà alla Corona e quella all’amicizia.

Ad arricchire il cast c’è anche Giulio Scarpati, che interpreta Beghelì, una sorta di summa del ‘600: occhio di vetro, uncino al posto della mano, gamba di legno e mille cicatrici. Alla Corte dei miracoli compare un sempre entusiasta e rassicurante Davide Marotta. Un dono nel dono di Natale che è questo film, sono due camei: quello di Adriano Panatta (con una zazzera impegnativa!) e quello di Giuliano Sangiorgi.

A rendere ulteriormente portentosa questa avventura, c’è la musica dei Gratis Dinner – crew formata da Luca Medici (cioè Checco Zalone), Giuseppe Saponari e Antonio Iammarino, che già hanno lavorato nel precedente film sui Moschettieri di Veronesi -, un canto sardo intonato dai tre cavalieri, oltre al brano “La cura”, riarrangiato ed eseguito da Musica da Ripostiglio. Non trascurabile, unica e zoomorfa, c’è anche la voce di Sergio Rubini per non far dimenticare il caro Aramis (del precedente film “Moschettieri del re – La penultima missione”). Risultano molto curate pure le location (tra l’altro, una riconoscibilissima e bellissima Villa Doria Pamphilj), come gli oggetti di scena firmati da Paki Meduri, oltre ai costumi scelti con attenzione ai dettagli da Alessandro Lai.

“Il cinema deve andare dalle persone. Per fare ciò oggi ci vuole coraggio e a noi non è mancato. Questo film è per un noi un nuovo debutto. Anzi una nuova missione, come quella dei Moschettieri. Questo è infatti il primo dei nuovi film Sky Original, un brand che per molti è ormai sinonimo di serialità d’alto livello, di contenuti pensati per un pubblico esigente come quello di Sky e caratterizzati da alti standard produttivi. La sfida di estendere questo modello vincente anche ai film parte da qui e presto coinvolgerà altri grandi nomi del cinema italiano e internazionale – sottolinea Nicola Maccanico, Executive Vice President Programming Sky Italia -. Ma partire con ‘Tutti per 1, 1 per tutti’, prodotto da Vision Distribution e Indiana, ha un significato speciale, perché il primo film ‘Moschettieri del Re’, è stato tra i più visti dai nostri abbonati, ed è un titolo perfetto per vivere in famiglia le imminenti feste natalizie”. “Avere sviluppato, e portato a termine durante un anno come il 2020, un progetto di tali ambizioni e caratteristiche non era per nulla scontato – dichiara Fabrizio Donvito, Partner & CEO Indiana Production S.P.A -. Questo è un racconto dove alla commedia si uniscono trame romantiche e avventurose che contribuiscono a disegnare una vera e propria fiaba, ideale, tra l’altro, per questa programmazione natalizia. Noi in Indiana siamo contenti che possa arrivare a tante famiglie italiane proprio a Natale su Sky”. L’appuntamento da segnare in agenda è quindi il 25 dicembre su Sky alle ore 21.15, ma il film (durata 116′) sarà disponibile anche on demand e in streaming su Now Tv. Maccanico, comunque, non esclude “un passaggio in sala”, quando si potrà, che è anche un desiderio di Veronesi e del cast, in primis Favino.

You May Also Like

“Stonebreakers”: il risveglio delle coscienze riparte da una statua

L’assurdità del razzismo nel film “L’amore ti salva sempre”

“Interactions”, quando le immagini si schierano a difesa della natura

“Tutti amano Jeanne”, Céline Devaux prova a raccontare la depressione con infinita leggerezza