“Domicilio coatto”, quando la criminalità agisce in maniera rocambolesca!

Criminalità sghemba e sopra le righe in “Domicilio coatto”, serie comedy-drama in 5 puntate diretta a quattro mani da Andrea Cima e Ludovica Ortame che, prodotta nel 2015, dopo aver vinto il Next Prize Award al Roma Web Fest, arriva in programmazione su Prime Video, distribuita da 102 Distribution, carica di divertimento. Ambientata a Roma, la serie ruota attorno alle vicende di casa Gagliardi. Tutto ha inizio quando Rocco (45 anni), criminale romano e padre di famiglia, viene trasferito agli arresti domiciliari dopo aver scontato un anno di carcere al posto dell’anziano padre, Renzo. Con lui vivono la moglie Gioia (40 anni), la figlia Donna (21 anni) e il figlio Dylan Furio Valerio (17 anni). Abituato a tenere tutto sotto controllo, Rocco si troverà a disagio nello scoprire che in sua assenza la situazione in famiglia è cambiata e in maniera rocambolesca cerca di venire a capo della nuova situazione tenendo anche le redini della sua banda criminale in un involontario slancio verso la redenzione.

“Domicilio coatto” è leggera, scanzonata e allegra al punto giusto e si avvale di un cast artistico che sa tenere bene ritmi da palcoscenico. Gli attori sono: Leonardo Sbragia (Rocco Gagliardi), Federica Lenzi (Gioia Moscetta), Chiara David (Donna Gagliardi), Giorgio Gambadoro (Dylan Gagliardi), Flavio Domenici (Occhio), Marco Giandomenico (Pezza), Jacob Mashfield (Marzia), Simone Stamigna (Pippo), Elio Pagano (Brigadiere Ajello), Fortunato Marco Iannaccone (Appuntato Ciotti), Simone Mastrocinque (Roberto Carlos), Paolo Ricci (Pietro). Prodotta da Susanna Vicentini, la serie è sceneggiata dalla stessa Vicentini e da Andrea Cima, Elia Gonella e Ludovica Ortame, su soggetto di Antonella Doria. Si segnala l’ottima fotografia di Bruno Cascio.

You May Also Like

Prime Video, l’hub di intrattenimento che valorizza i talenti italiani

“Di4ri”, la serie sulla preadolescenza che conquisterà tutti

“Don Matteo 13”: un brand a cui è difficile rinunciare

Con “Noi” arriva un carico di umanità autentica