Ciak a Roma per il sequel della commedia “Come un gatto in tangenziale” di Riccardo Milani con Paola Cortellesi e Antonio Albanese: Monica e Giovanni avranno un futuro insieme?

Ci sono i sequel che ti chiedi se ne vale davvero la pena e quelli invece che speri ci siano. Tra questi ultimi tirando a caso mi viene in mente “Piccole donne”: in fondo, in fondo tutti abbiamo sperato che Giò e Lori ci ripensassero e fuggissero insieme. Sono le storie d’amore che ti tengono sempre sul filo del rasoio e quella frase “e vissero felici e contenti” che a volte si legge prima dei titoli di cosa non è affatto rassicurante. Così adesso cominciano le riprese del secondo capitolo della commedia campione d’incassi e Biglietto d’Oro del 2018 diretta da Riccardo Milani con protagonisti Paola Cortellesi e Antonio Albanese: “Come un gatto in tangenziale – Ritorno a Coccia di Morto”. Cosa sarà accaduto a Monica e Giovanni? Sono passati tre anni dalla fine della loro storia d’amore che, come si erano predetti sulla panchina di Piazza Cavour a Roma, è durata poco, anzi pochissimo, proprio come “un gatto in tangenziale”. E ora? Davvero si trattava di una storia d’amore impossibile perché sono parte di due universi sociali agli antipodi? Solo a leggere il cast di sicuro ne vedremo delle belle perché tornano anche la falsa lady “non ho la puzza sotto il naso” Sonia Bergamasco e il “truce” Claudio Amendola e, se non bastasse ad avere quel pizzico di peperoncino, si aggiungono il bel Luca Argentero e l’incantevole Sarah Felberbaum. Il conto alla rovescia per “Come un gatto in tangenziale – Ritorno a Coccia di Morto” è partito: uscirà nelle sale distribuito da Vision Distribution il 16 dicembre 2020. Le riprese si svolgeranno per 8 settimane a Roma, con la produzione di Mario Gianani con Lorenzo Gangarossa per Wildside, parte del gruppo Fremantle, e Vision Distribution, in collaborazione con Sky Cinema. La sceneggiatura è firmata da Furio Andreotti, Giulia Calenda, Paola Cortellesi e Riccardo Milani: sono loro che possono aver dato una nuova occasione a Monica e Giovanni! La fotografia è di Saverio Guarna, la scenografia di Maurizia Narducci, i costumi di Alberto Moretti, il montaggio di Patrizia Ceresani e Francesco Renda. Adesso non resta che aspettare ed incrociare le dita!

You May Also Like

“Nostalgia” di Mario Martone, la grazia di un sentire concreto

“Karate man”, la forza di non arrendersi

“Quel che conta è il pensiero”, esordio geniale per Luca Zambianchi

“Noi due”, l’autenticità disarmante di un padre e un figlio