Giffoni torna alle radici della cultura portando i giovani a Velia e Paestum

Toni Servillo, Sergio Castellitto, Matilde Gioli, Benedetta Porcaroli, Erri De Luca, Roul Bova in presenza; poi in collegamento esclusivo per i giovani giurati Richard Gere, Sylvester Stallone, Bryan Cranston, Daisy Ridley, Katherine Langford e Glen Klean: sono solo alcuni dei protagonisti che Giffoni mette in contatto con i propri ragazzi per festeggiare mezzo secolo di vita. “Benvenuti da questo luogo fantastico che è il Parco Archeologico di Elea-Velia (Ascea), vi presento il programma di quest’anno, un vero inno alla gioia in un momento così complicato e difficile per tutti”, così in diretta streaming il patron Claudio Gubitosi che ha introdotto l’evento che quest’anno ha come tema Terra (il simbolo che chiude la trilogia degli elementi avviata tre anni fa con Acqua e proseguita lo scorso anno con Aria) e che per la prima volta si fa in 4: le prime due tranche del festival si svolgeranno ad agosto – aperte dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca – dal 18 al 22 quella dedicata alle giurie Generator +16 e Generator +18, e dal 25 al 29 per i giurati Generator +13; da settembre e novembre ci sarà invece una rete di attività, mentre dal 26 al 30 dicembre spazio ai +6 e +10, con 1500 bambini e bambine distribuiti nei cinque giorni della rassegna. Tra Premi Oscar, star internazionali, nomi di primo piano del panorama cinematografico, televisivo (come Diego Bianchi, Pierluigi Pardo, Nicolò De Devitiis, Max Giusti) e musicale (come Samuel, Guè Pequeno, Gaia, Rocco Hunt), esponenti istituzionali, masterclass, anteprime, rassegne, Giffoni promette di essere ancora una volta una festa per il cinema e le altre arti nonostante il momento stiorico molto critico. Sono 47 le opere in concorso, selezionate da 26 nazioni (11 i film italiani), che affrontano tematiche importanti come la ricerca d’identità, la relazione genitori-figli, la lotta per i diritti, la violenza, l’amore, la solitudine, l’omofobia, il razzismo e il rapporto con il diverso.

MISURE DI SICUREZZA – Distanziamento, sanificazione attraverso tunnel “decontaminator”, controllo degli accessi, prenotazioni obbligatorie agli eventi aperti al pubblico, trasporto secondo le regole, sedute personalizzate nelle sale: sono solo alcune delle precauzioni messe in campo in questo particolare anno. A queste si aggiungono due importanti novità: la prima, l’uso obbligatorio di un’applicazione, Convivio Giffoni Film Festival, che segnalerà a tutti i juror e masterclasser la distanza di sicurezza da osservare. “Ragazzi, mi raccomando – l’invito di Gubitosi ai giovani -. In questi ultimi tempi abbiamo visto atteggiamenti a rischio”. Si commuove il direttore quando nomina Lucio Truono, 43 enne di Giffoni Vallepiana, che viveva e lavorava a Londra, vittima del Coronavirus.

I GIURATI – Quest’anno i giurati che prenderanno parte fisicamente ai primi due momenti del Festival saranno 610. A loro spetterà il compito di rappresentare gli oltre 7500 ragazzi che, nei mesi precedenti l’emergenza sanitaria, erano già entrati a far parte delle varie sezioni. Le norme anti contagio hanno imposto la necessità di ridurre drasticamente gli accessi. Ma di fronte a questa situazione Giffoni non si è fermato e ha predisposto 46 hub: 32 in Italia e 14 all’estero per un totale di 2000 ragazzi coinvolti virtualmente e in presenza.

ANTEPRIME – Tra le anteprime annunciate aperte al pubblico solo su prenotazione (dopo quella Disney di luglio “Onward – Oltre la magia”), ci sarà “L’unico e insuperabile Ivan” di Disney+ (a Giffoni il 18 agosto e nelle sale italiane l’11 settembre), che avrà collegati in streaming la regista Thea Sharrock e Bryan Cranston, tra i protagonisti del film. In presenza, presso la Yaris Arena della Giffoni Multimedia Valley, ci sarà il doppiatore italiano Federico Cesari. E ancora: “Shortcut” di Minerva Pictures Group (a Giffoni il 19 agosto); “Balto e Togo: la leggenda” di Notorious Pictures, film di Brian Presley (a Giffoni il 26 agosto e nelle sale italiane il 3 settembre); “Endless” della Eagle Pictures, lungometraggio firmato da Scott Speer (a Giffoni il 27 agosto). “Nuove anteprime annunceremo nei prossimi giorni”, assicura Gubitosi.

AL VIA L’EDIZIONE 50 – Dopo l’anteprima Disney di luglio “Onward – Oltre la magia”, Giffoni50 prenderà ufficialmente il via domani, 11 agosto, dal Parco Archeologico di Paestum dove si terrà un concerto del compositore e pianista Giovanni Allevi e la proiezione di film simbolo del rapporto di Giffoni con il cinema: l’iconico “E.T. L’Extra-Terrestre”, legato indissolubilmente alla figura del premio Oscar Carlo Rambaldi da sempre cara al festival; “L’attimo fuggente” di Peter Weir e “Billy Elliot” di Stephen Daldry. Non perdetevi le dirette su www.giffonilive.it!

You May Also Like

Elena Arvigo: “Dopo il lockdown Venezia è stata un regalo”

Ciak a Roma per il sequel della commedia “Come un gatto in tangenziale” di Riccardo Milani con Paola Cortellesi e Antonio Albanese: Monica e Giovanni avranno un futuro insieme?

Bello e amaro il corto “Zombie” di Giorgio Diritti sul rapporto genitori-figli

Audace e attento al prossimo: è il 34esimo Festival Mix Milano