Zavoli, addio ad un maestro del giornalismo

Era il 1968, Sergio Zavoli e le telecamere della Rai entravano nel manicomio di Gorizia, diretto da Franco Basaglia. Alla domanda se fosse interessato più al malato o alla malattia, lo psichiatra rispondeva: “decisamente il malato”. “I giardini di Abele” di Zavoli è un giornalismo da scuola. Il maestro si è spento a Roma, all’età di 96 anni. Belle le parole della nota stampa Rai nell’omaggiarlo: “Scrittore attento e acuto, ha valorizzato la lingua italiana utilizzandola con sapienza di volta in volta per veicolare notizie, impressioni, descrivere fatti, spiegare fenomeni sociali e processi politici complessi; Sergio Zavoli è stato un intellettuale al servizio del paese formatosi e cresciuto in Rai, autenticamente intesa come Servizio Pubblico”. In Rai si è occupato prima di sport e poi di servizi sempre più impegnati e a sfondo sociale. È stato presidente di Viale Mazzini e da senatore della Repubblica ha rivestito il ruolo di presidente della Commissione di Vigilanza sul sistema radiotelevisivo. Significativa la riflessione dell’esecutivo Usigrai: “La cultura italiana perde oggi un pilastro. Sergio Zavoli è stato un esempio e un maestro di giornalismo. Un autentico e profondo difensore della Rai Servizio Pubblico. Ha segnato la storia dell’informazione in Italia”. Buon viaggio, maestro.

You May Also Like

“Di4ri”, la serie sulla preadolescenza che conquisterà tutti

“Don Matteo 13”: un brand a cui è difficile rinunciare

Con “Noi” arriva un carico di umanità autentica

“Vostro onore”, travolgente la versione italiana con Stefano Accorsi protagonista