Grandi film in arrivo, ma non italiani

Stanno per uscire nei cinema italiani tanti titoli appetibili. Solo per citarne alcuni: “Onward – Oltre la magia” di Dan Scanlon (Disney, 19 agosto), realizzato dalla Pixar; “Tenet” di Christopher Nolan (Warner Bros, il 26 agosto) con John David Washington e Robert Pattinson; “After 2” di Roger Kumble (01 Distribution, 2 settembre), sequel del titolo del 2019 e adattamento cinematografico del romanzo del “2013 After – Un cuore in mille pezzi” scritto da Anna Todd. “Un plauso nei confronti delle distribuzioni e della loro scelta di programmare in tempi brevi, ed in alcuni casi in anticipo rispetto al mercato d’oltreoceano, film di grande richiamo che saranno sicuramente in grado di rilanciare il nostro esercizio, indebolito pesantemente negli ultimi mesi dall’Emergenza Coronavirus”, commenta Mario Lorini, presidente dell’Associazione Nazionale Esercenti Cinema (Anec). A questi segnali di ripartenza mancano però all’appello i film italiani, tranne piccole eccezioni: “Nour” di Maurizio Zaccaro con Sergio Castellitto (12 agosto), “Volevo Nascondermi” di Giorgio Diritti con Elio Germano (19 agosto), “Il grande passo” di Antonio Padovan con Giuseppe Battiston e Stefano Fresi (20 agosto).

You May Also Like

Il poetico “Lessons of Love” è il titolo italiano finalista alla V edizione di ArteKino Festival

Di Fede: “Il tema dell’inclusione è indifferibile”. Il 25 novembre torna il Social Film Festival Artelesia

Il Torino Film Festival per la parità di genere: in concorso 6 registe e 6 registi

Alessandro Rossellini: fatta pace con un’eredità pesante, oggi può andare lontano con la sua macchina da presa