“Selfie” di Agostino Ferrente è il Nastro d’Argento 2020 per il Cinema del reale

“Selfie” di Agostino Ferrente è il Nastro d’Argento 2020 per il Cinema del reale; “Life as a B-Movie: Piero Vivarelli” di Fabrizio Laurenti e Niccolò Vivarelli il miglior film sul cinema; per la sezione dedicata alla docufiction ex aequo tra “La prima donna” di Tony Saccucci e “Cercando Valentina” di Giancarlo Soldi. Annunciato il palmarès Nastri dei documentari 2020, sezione all’interno del Sindacato nazionale dei giornalisti cinematografici coordinata da Maurizio di Rienzo. Premio speciale nel segno dell’attenzione alla memoria per “Figli del destino” di Francesco Miccichè e Marco Spagnoli, tra i molti titoli sulla Shoah quest’anno in selezione. Ancora premi a: “Ermitage-il potere dell’arte” per i documentari sull’arte e menzione speciale all’opera prima “Normal” di Adele Tulli. Oltre alla selezione ufficiale, due i premi che il Direttivo Nazionale dei Giornalisti Cinematografici ha deciso di assegnare sul tema “Cinema & giornalismo”: “Oltre la sala, le parole del cinema nella televisione pubblica” di Giovanna Ventura; e “Carlo Vanzina: il cinema è una cosa meravigliosa” di Antonello Sarno, affettuoso omaggio ad un signore del set scomparso giusto due anni fa (8 luglio 2018). Infine è Tosca la “protagonista dell’anno” nei documentari per la sua performance eccezionale nel film di Emanuela Giordano “Il suono della voce”.

You May Also Like

“Nostalgia” di Mario Martone, la grazia di un sentire concreto

“Karate man”, la forza di non arrendersi

“Quel che conta è il pensiero”, esordio geniale per Luca Zambianchi

“Noi due”, l’autenticità disarmante di un padre e un figlio