Covid-19: i festival di Venezia-Telluride-Toronto-New York insieme e compatti per il rilancio del cinema

“Quest’anno abbiamo visto come la pandemia Covid-19 abbia devastato le comunità in tutto il mondo e che la vita, così come la conoscevamo, è stata portata a fermarsi. Come sostenitori del cinema globale, abbiamo visto il lavoro degli artisti fermarsi e la stessa cultura cinematografica messa in discussione. I film prendono vita con il pubblico, che non è più riuscito a riunirsi come aveva fatto per oltre un secolo”. Questa la nota congiunta dei patron di quattro importantissimi festival cinematografici internazionali – firmano Cameron Bailey del Toronto International Film Festival, Alberto Barbera di Venice International Film Festival, Eugene Hernandez del New York Film Festival, Julie Huntsinger di Telluride Film Festival, Tom Luddy di Telluride Film Festival e Joana Vicente del Toronto International Film Festival -. “La forma d’arte che amiamo è in crisi. Le nostre organizzazioni hanno affrontato sfide senza precedenti per il lavoro e la sicurezza finanziaria. La pandemia ci ha colti mentre ci preparavamo per le nostre manifestazioni dell’autunno 2020. Sapevamo che dovevamo adattarci. Abbiamo deciso di collaborare come mai prima d’ora. Venezia è l’origine di ogni festival cinematografico nel mondo. Telluride è uno dei festival più influenti al mondo. Toronto ospita il più grande festival cinematografico pubblico del mondo. E il New York Film Festival si occupa di una delle città del cinema più famose e importanti del mondo. I nostri quattro festival condividono l’amore per il cinema e la devozione per i registi. Condividiamo anche un breve periodo di sei settimane ogni autunno. Quest’anno ci siamo allontanati dalla competizione con i nostri colleghi dei festival autunnali e ci siamo impegnati invece a collaborare. Stiamo condividendo idee e informazioni. Stiamo offrendo i nostri festival come piattaforma unita per ottenere il miglior cinema che si possa trovare. Siamo qui per essere al servizio dei registi, del pubblico, dei giornalisti e dei protagonisti del settore affinché mantengano in vita l’ecosistema cinematografico. Dobbiamo farlo insieme. Crediamo che il cinema abbia un potere unico di illuminare sia il mondo che ci circonda, sia le nostre percezioni più intime. In una crisi, i film possono metterci in movimento. Possono incantare, informare, provocare e guarire. Mentre lavoriamo in circostanze difficili per organizzare i nostri festival, questa estate lavoreremo insieme, a sostegno dei film”.

You May Also Like

Giffoni torna alle radici della cultura portando i giovani a Velia e Paestum

In Puglia riaprono i set e si vara il Bif&st

Sulla carta è vincente la ruvida “Rosa pietra stella” di Marcello Sannino

Tilda Swinton sarà all’altezza di Anna Magnani in “The Human Voice”? Almodóvar non ha dubbi