“Ötzi e il mistero del tempo”, quell’incredibile sapore fantasy anni Ottanta che conquista i bambini

È stato premiato al Giffoni Film Festival nel 2018 catturando l’entusiasmo dei più piccoli ed ora, da giovedì 25 giugno, approda su RaiPlay: è “Ötzi e il mistero del tempo” di Gabriele Pignotta, un fantasy sulla scia di I Goonies, film d’avventura del 1985 di Richard Donner (su giovani ragazzi che vanno alla ricerca del leggendario tesoro di Willie l’Orbo). Qui l’avventura si svolge tra le montagne dell’Alto Adige e protagonisti sono Kip (Diego Delpiano) e i suoi amici Anna (Amelia Bradley) e Elmer (Judah Copusin) che si ritrovano come compagno straordinario la mummia Ötzi (Michael Smiley), che si risveglia dall’età del rame, e come nemica la strega Gelica (Alessandra Mastronardi).

Interpreta con inusitata delicatezza il papà di Kip l’attore Vinicio Marchioni, felice di quella che definisce in conferenza stampa streaming “un’esperienzona divertentissima” e di essersi messo “al servizio di un’opera che è il primo progetto di fantasy italiano a tutti gli effetti, girato in inglese con piccoli professionisti straordinari. Carl è un papà che all’inizio non comprende il figlio e poi, invece, lo accompagna in quella che è la vera avventura dell’eroe. Sono contentissimo di aver fatto parte di un film che posso vedere con i miei figli”.

Il film dagli effetti speciali pazzeschi di Gianluca Salerno (della VFX Supervisor) e con la fotografia straordinaria di Tuomo Virtanen, arricchito dai costumi calzanti di Alessandro Lai e le scenografie curate da Laura Pozzaglio, ha all’origine la bellezza della forza d’animo di Manuela Cacciamani, della casa di produzione One More Pictures, che firma anche il soggetto assieme a Carlo Longo: “È un film – condivide  – nato per lanciare un messaggio di positività e coraggio, in un momento per me non di buona salute”. “È stata una di quelle proposte che non ti aspetti – dice Gabriele Pignotta, qui regista (ma anche noto attore e autore) -. Ho letto la sceneggiatura e ne sono stato catturato. Già conoscevo la passionalità e la follia di Manuela, e insieme ci siamo buttati senza paracadute in questo percorso romantico, fatto di cuore e pancia; una sfida che forse col cervello non avremmo vinto. Fare il film è stata un’avventura bellissima con protagonisti tre undicenni che non si sono mai lamentati sul set nonostante le condizioni impervie accentuate dal freddo”.

“Ötzi e il mistero del tempo” è stato girato interamente in Alto Adige, tra le sue bellissime montagne e anche al Museo Archeologico di Bolzano, dove è oggi conservata la mummia Ötzi, conosciuta anche come l’Uomo venuto dal ghiaccio o Uomo del Similaun ritrovata nel 1991 sulle Alpi Venoste, ai piedi dell’omonimo ghiacciaio, al confine fra l’Italia e l’Austria. Vissuto oltre 5.200 anni fa, Ötzi è diventato famoso in tutto il mondo perché il suo corpo si è conservato perfettamente grazie alle favorevoli condizioni climatiche all’interno del ghiacciaio in cui è stato rinvenuto.

You May Also Like

“L’amante dell’astronauta”, quando l’amicizia si trasforma in qualcosa di più

Il film sugli ultimi giorni di Berlinguer richiama ad un agire per il bene collettivo

Sergio Assisi è il “Re” della commedia spensierata

“Ricchi a tutti i costi”, irresistibile dark comedy all’italiana