Bentornato cinema!

L’Anec e la sezione distributori Anica salutano le sale che hanno ripreso l’attività lunedì 15 giugno, come segno concreto di una ripartenza graduale, un processo che avrà bisogno di tempo. “È un segnale che va letto ovviamente senza entrare nel merito dei dati, ma è senz’altro un auspicio, che con impegno concreto alcuni esercenti, a poche ore dalla approvazione delle nuove linee guida per le riaperture, hanno voluto dare all’industria del cinema. Dal prossimo week end gli schermi aumenteranno, e di conseguenza inizieremo a conoscere le date delle prossime uscite dei film sul mercato”, scrivono in una nota stampa. “Ci vorrà tempo perché una filiera integrata fatta di produzione, distribuzione, ed esercizio riparta a pieno ritmo, ma pian piano la filiera si muoverà verso un auspicato e progressivo ritorno alla normalità. È ora di tornare a vedere il cinema per come tutti noi lo immaginiamo e desideriamo : sogni, emozioni, le immagini dei film che tornano a illuminare gli schermi, le musiche che accompagnano le storie; la sala come luogo di aggregazione, presidio sociale e culturale che torna ad affascinare lo spettatore con l’esclusiva esperienza della visione cinematografica su grande schermo. È ora di ritrovare il rapporto con il nostro pubblico, primo ed essenziale protagonista, al quale tutti quanti rivolgono il più caloroso invito a ritornare nelle sale di tutta Italia. A tutta l’industria del cinema, autori, attori, produttori, professionisti del settore, tecnici, ai distributori e a tutti i gestori delle nostre sale italiane un sincero: Bentornato cinema!”

You May Also Like

Covid-19: che spettatore sarai? Agis e Aiam sostengono la ricerca che indaga sul come ripartire partendo dal pubblico

Ci vuole un vero risorgimento per lo Spettacolo dal vivo: tuonano le parole di Tiziano Panici dell’Argot Studio di Roma

Prove tecniche di ripresa dello spettacolo. L’Agis lancia un protocollo di sicurezza possibile

La Biennale di Venezia comincia un nuovo corso col ruolo di anticipatore del tempo presente