L’Agis riapre i palcoscenici attraverso il Wmf Online

L’obiettivo è quello di dare un segnale chiaro: la volontà di ripartire, facendo sistema e cooperando per riportare al centro, anche in questa situazione di difficoltà, un argomento chiave come quello della cultura. Fino al 6 giugno online viaggia il Wmf Online – Edizione Diffusa (www.ilfestival.it) che, in collaborazione con Agis (Associazione Generale Italiana dello Spettacolo), promuove il 5 giugno la riapertura ideale di teatri, live club, realtà della penisola votate alla valorizzazione dell’arte. Ad aderire al progetto realtà da tutta Italia, come il Teatro Regio di Parma, il Teatro Coccia di Novara, lo Sferisterio di Macerata, il Teatro Donizetti di Bergamo e il Teatro Primo di Villa San Giovanni e l’AsLiCo – Teatro Sociale di Como. “Quest’iniziativa simbolica non è solo un segnale, ma è un’azione concreta di come il connubio tra saperi, tra l’arte e la tecnologia, possa andare oltre qualsiasi forma di chiusura”, afferma Cosmano Lombardo, Founder & ceo di Search On Media Group, Chairman del Wmf. “L’Agis, da sempre vicina ed in prima linea per supportare il mondo degli operatori dello spettacolo, collabora con estremo piacere ad un’iniziativa meritevole come quella rappresentata dal Wmf Online. Il mondo dello spettacolo dal vivo, oggi più che mai, ha bisogno di guardare a nuove formule e contesti, senza snaturare se stesso e la propria storia”, sottolinea Domenico Barbuto, direttore di Agis.

You May Also Like

Cinque “libri viventi” contro stereotipi e pregiudizi

Mauro Santopietro, l’intercultura comincia dall’ascolto sul palcoscenico

InterCulturiamo, per una narrazione contro le discriminazioni

Anna Di Francisca: Voce alle donne per dare nuova linfa alla società