Sarai bravo come Gabriele D’Annunzio? Provaci, il Festival dell’Erranza ti offre la possibilità!

“Settembre, andiamo. È tempo di migrare. Ora in terra d’Abruzzi i miei pastori lascian gli stazzi e vanno verso il mare: scendono all’Adriatico selvaggio che verde è come i pascoli dei monti…”, Gabriele D’Annunzio così raccontava la transumanza, la tradizionale pratica di migrazione stagionale del bestiame che, da dicembre 2019, è stata iscritta, all’unanimità, nella Lista Rappresentativa del Patrimonio culturale immateriale dell’Unesco. Il Festival dell’Erranza di Piedimonte Matese (Ce) propone di trovare nuovi modi per descrivere la transumanza indicendo un premio letterario. Il concorso, a sezione unica, è dedicato a racconti in lingua italiana. Gli elaborati partecipanti devono contenere argomenti inerenti la pastorizia e l’allevamento, il mondo agro silvo-pastorale, il paesaggio appenninico (nelle forme più libere possibile), così da contribuire alla conoscenza e all’approfondimento della transumanza. Il termine ultimo per l’invio delle opere è il 15 giugno 2020 (ulteriori informazioni sul sito www.festivaldellerranza.it).

You May Also Like

I punti chiave per un monologo vincente evidenziati da Franca De Angelis

Esistenze tra le crepe: Evelina Nazzari dà voce alle “Solitudini urbane”

Eltjon Bida, quando uno straniero diventa di casa

Nino Capobianco e Fragneto Monforte, un connubio di memoria e dedizione