Covid-19, la prossima settimana tavolo bilaterale per individuare criteri oggettivi atti ad individuare le risorse per fronteggiare la crisi

Il Ministro dei Beni e delle Attività culturali Dario Franceschini si è reso disponibile ad una collaborazione incisiva con l’Agis – Associazione Generale Italiana dello Spettacolo annunciando già per la prossima settimana la costituzione di un tavolo bilaterale che possa individuare criteri oggettivi per l’utilizzo di alcune risorse, in primis quelle derivanti dall’accantonamento dei dieci milioni del Fus 2020, e poi  con altre eventuali da individuare con apposito dispositivo di legge per far fronte all’emergenza Covid-19. In merito alla riapertura delle strutture attualmente chiuse nelle regioni interessate dalle ordinanze, inoltre, lo stesso Ministro ha annunciato che sono in atto, sotto la supervisione dell’autorità sanitaria, le opportune valutazioni per far sì che si possa procedere quanto prima al ritorno all’attività delle stesse nelle regioni interessate. Questo l’esito al Mibact del primo incontro del “tavolo di crisi” tra l’Agis e le istituzioni governative. Rafforzando la compattezza dell’intero settore, l’Agis ha presentato un documento unitario di tutte le associazioni ad essa aderenti, allegando una serie di richieste urgenti (tra queste l’anticipazione del versamento dei saldi e degli acconti delle assegnazioni del Fus, fondi integrativi ed ammortizzatori sociali per le imprese e gli artisti colpiti dalla crisi, fondi finalizzati ad iniziative promozionali straordinarie per rilanciare il settore dello spettacolo).

You May Also Like

Bentornato cinema!

Covid-19: che spettatore sarai? Agis e Aiam sostengono la ricerca che indaga sul come ripartire partendo dal pubblico

Ci vuole un vero risorgimento per lo Spettacolo dal vivo: tuonano le parole di Tiziano Panici dell’Argot Studio di Roma

Prove tecniche di ripresa dello spettacolo. L’Agis lancia un protocollo di sicurezza possibile