“Il Commissario Montalbano” torna carico della “melanconica dolcezza” della regia di Luca Zingaretti

“La regia è stata una bella e dolorosa esperienza. Subentrando ho seguito il solco di chi mi ha preceduto, assecondare cioè l’estetica del mondo di Camilleri. Di mio c’è una melanconica dolcezza”, Luca Zingaretti è accorato in conferenza stampa a Roma presentando i due nuovi episodi evento “Salvo Amato, Livia Mia” e “La rete di protezione” in onda su Rai1 lunedì 9 e 16 marzo. Sente la mancanza del “padre letterario” Andrea Camilleri, dai cui bestseller editi da Sellerio ha avuto inizio nel 1999 questa collection tv oggi al traguardo dei 36 titoli; del regista Alberto Sironi, “amico, compagno e complice, uomo incapace di provare rancore e con cui per 21 anni ho fatto questa cavalcata lunga e meravigliosa”; e dello scenografo Luciano Ricceri che “propose, quasi impose, quei luoghi meravigliosi della Sicilia che rendono Vigata il posto dell’anima”. I nuovi episodi targati Palomar e Rai Fiction conservano le atmosfere precedenti ed hanno quelle “notazioni di novità” per lo schermo che sorprendevano lo stesso Camilleri. “Salvo Amato, Livia Mia” s’incentra sulla morte di una cara amica di Livia, mentre “La rete di protezione” affronta un caso che parte da un attentato nella scuola del figlio di Augello. Cesare Bocci (appunto Mimì Augello), Peppino Mazzotta (Fazio), Angelo Russo (Catarella) e Sonia Bergamasco (Livia) sono come sempre impeccabili accanto al “commissario” Zingaretti. In omaggio a Camilleri che amava guardare il suo personaggio sul grande schermo, “Salvo Amato, Livia Mia” uscirà anche in sala – il 24, 25, 26 febbraio con Nexo Digital – e il ricavato andrà in beneficenza in parti uguali allo Spallanzani e alla Fondazione Ospedale Sant’Andrea Onlus. Tinni Andreatta di RaiFiction parla di “festa popolare” per l’appuntamento con Montalbano, il direttore di Rai1 Stefano Coletta di “festa aziendale”: nelle ultime stagioni “Il commissario Montalbano” ha toccato punte superiori ai 12 milioni di spettatori con il 44% di share, conquistando la simpatia di oltre 65 Paesi, tra questi anche i difficili mercati di Gran Bretagna e Stati Uniti. La bellezza del personaggio? Nelle parole di Camilleri rilasciate in un’intervista a Vincenzo Mollica: la “lealtà” e la “ricerca di una verità relativa sapendo benissimo che esistono diverse verità”.

Palomar, Rai Fiction e Nexo Digital hanno deciso in via eccezionale di prorogare sino al 4 marzo le proiezioni al cinema de “Il Commissario Montalbano”. Spiega Franco di Sarro, ad di Nexo Digital “Per quanto ci è possibile, in un momento inedito come questo vogliamo provare a sostenere gli esercenti e l’industria cinematografica italiana. Il naturale posticipo di numerosi film in uscita, abbinato alla chiusura di molte sale a seguito delle specifiche ordinanze regionali, rende particolarmente delicata questa fase. Per questo, in accordo con Palomar e Rai Fiction, abbiamo deciso in via eccezionale di far proseguire con proiezioni straordinarie il percorso cinematografico di Montalbano nelle sale italiane che vorranno prendere parte all’iniziativa”. Aggiunge Carlo Degli Esposti, fondatore e presidente di Palomar: “Da parte nostra, con Rai Fiction confermiamo inoltre che i proventi che ci deriveranno dalle proiezioni delle sale saranno devoluti all’Ospedale Spallanzani di Roma e all’Ape, l’Associazione Pazienti Ematologici dell’ospedale Sant’Andrea”.

(articolo aggiornato giovedì 27 febbraio)

You May Also Like

“Di4ri”, la serie sulla preadolescenza che conquisterà tutti

“Don Matteo 13”: un brand a cui è difficile rinunciare

Con “Noi” arriva un carico di umanità autentica

“Vostro onore”, travolgente la versione italiana con Stefano Accorsi protagonista