Glamour e grandi ideali accoppiata vincente della 23esima edizione del World Of Fashion

Parola d’ordine semplicità, quindi pulizia di tagli e ricami preziosi, con la couture, la sartoria dell’ago e filo, in primo piano. È la lezione di Nino Lettieri tra gli stilisti premiati alla 23esima edizione del World Of Fashion – Crocevia di un incontro, evento di moda ideato e diretto da Nino Graziano Luca dal timbro di voce radiofonico. Domenica 26 gennaio a Palazzo Brancaccio di Roma è stato uno scintillio di glamour ed eleganza fuori e dentro la passerella, abbinati ad un gusto della vita che abbraccia i grandi ideali come l’espressione delle donne libere che lottano per affermare se stesse del progetto proveniente dal Mali Pinda for Griot, termine che nella cultura dell’Africa indica un poeta, ma anche un ambasciatore: quindi quale miglior contesto per presentare modelli che rivendicano nel mondo la posizione della donna contro tutte le oppressioni? Negli anni al World Of Fashion hanno sfilato oltre sessanta stilisti provenienti da 28 paesi. Quest’anno oltre a Pinda for Griot hanno portato la loro esperienza l’iraniana Neda Mokhtari, il franco libico Nabil Younes (si è brindato ai suoi 40 anni durante la sfilata), l’olandese Addy van den Krommenacker e due italiane, Azzurra di Lorenzo e Tersige Cerrone. Ad applaudire i capi in passerella, tra trasparenze, applicazioni floreali, sete ed organze, una prima fila di autorità, su tutti Laura Boldrini, e personaggi del mondo dello spettacolo, come l’attrice Jennifer Mischiati (il 19 marzo la vedremo nel film “Creators – The Past” accanto a Gerard Depardieu). Per la 24esima edizione l’appuntamento è per il prossimo 12 luglio sempre a Palazzo Brancaccio.

You May Also Like

“Nostalgia” di Mario Martone, la grazia di un sentire concreto

“Karate man”, la forza di non arrendersi

“Quel che conta è il pensiero”, esordio geniale per Luca Zambianchi

“Noi due”, l’autenticità disarmante di un padre e un figlio