Straordinariamente eclettiche Viviana Altieri ed Elisabetta Mandalari, attrici dall’irrefrenabile verve

Successo strepitoso per la beneventana Viviana Altieri e la romana Elisabetta Mandalari al teatro Porta Portese di Roma dove, dopo cinque anni, hanno riportato in scena in una versione ancora più frizzante “Donne d’acqua dolce”, spettacolo scritto, diretto e interpretato da loro. Con cambi di tacchi, cappelli, paillettes e parrucche, interpretano variopinti personaggi, raccontando la storia di due trentenni partite per un viaggio alla riscoperta di se stesse. Liberamente tratto da “Accessories” di Gloria Calderòn Kellett, “Women in motion” di Donald Margulies e “i quattro signori” dei Monty Python, il testo è irresistibilmente divertente e coinvolgente per gli spettatori di ogni età. Tra sketch, monologhi ed interventi musicali cantati e ballati, Viviana Altieri e Elisabetta Mandalari fanno ridere giocando con la loro voce, il loro sguardo e il loro corpo. Sono ironiche e autoironiche, in un contatto diretto col pubblico che trascorre un’ora e mezza in allegria. Il testo è leggero ma, al tempo stesso, osserva in profondità la società di oggi con trentenni allo sbando dei modelli proposti (e imposti). Viviana Altieri, rigorosamente in rosso, ed Elisabetta Mandalari, in blu, promettono di ritornare presto in scena con un nuovo spettacolo pepato al punto giusto come “Donne d’acqua dolce”. Intanto chi ha visto questo spettacolo sicuramente starà cantando una sorta di tormentone sulle sorti delle donne in cerca d’amore su spiagge assolate, leitmotiv assolutamente spiritoso e trascinante.

You May Also Like

Cinque “libri viventi” contro stereotipi e pregiudizi

Mauro Santopietro, l’intercultura comincia dall’ascolto sul palcoscenico

InterCulturiamo, per una narrazione contro le discriminazioni

Anna Di Francisca: Voce alle donne per dare nuova linfa alla società