“L’ufficiale e la spia” si fa monito contro ogni ingiustizia e discriminazione

Il J’accuse di Emile Zola che sulla rivista L’Aurore portò alla ribalta l’Affare Dreyfus e l’antisemitismo che scorreva nelle alte gerarchie militari francesi a fine Ottocento tuona ancora oggi contro ogni ingiustizia e discriminazione. A rimetterlo in primo piano è il film di Roman Polanski che in Italia esce col titolo “L’ufficiale e la spia”, come il libro da cui è tratto di Robert Harris, con cui il regista firma a quattro mani la sceneggiatura. Il film ha un rigore narrativo e storico ineccepibile. Comincia con una scena di forte impatto: la pubblica condanna e l’umiliante degradazione inflitte ad Alfred Dreyfus, capitano ebreo accusato di essere stato un informatore dei nemici tedeschi. E poi sposta l’accento su uno dei testimoni di quella mortificazione: l’ufficiale dell’esercito Georges Picquart che di lì a poco, promosso a capo della Sezione di statistica, la stessa unità del controspionaggio militare che aveva montato le accuse contro Dreyfus, condurrà indagini per dimostrarne l’innocenza, in un clima del tutto ostile e pagando in prima persona la ricerca delle verità. Rivendica orgoglio la scena in cui dopo mesi Picquart rientra nella sua casa trovandola devastata e messa sottosopra da chi è a caccia di prove contro il suo operato ma, impassibile e sereno, si siede al piano e suona. Ad interpretarlo un ancora una volta grande Jean Dujardin, l’indimenticabile George Valentin di “The Artist” per cui l’attore fu insignito dell’Oscar. Dujardin dona a Picquart modi impeccabili e controllati che si addicono perfettamente a ogni uomo consapevole della propria integrità. In tempi di #MeToo, di clima sfavorevole a Polanski accusato di abusi sessuali e, quindi, nel rischio di fare di questo film un manifesto per rivendicare innocenza (nella cartella stampa il regista afferma: “Molte delle dinamiche che sono dietro il sistema persecutorio mostrato nel film, mi sono familiari e mi hanno chiaramente ispirato”), è stata esemplare la cineasta argentina Lucrecia Martel, presidente di giuria all’ultima Mostra del cinema di Venezia, che ha conferito a “L’ufficiale e la spia” il Gran Premio della Giuria, separando dunque il valore dell’arte cinematografica, di cui quest’opera è indiscussa portatrice, dalle vicende personali dell’autore.

You May Also Like

Con “Un altro ferragosto” Paolo Virzì firma un altro capolavoro

“Te l’avevo detto”, un film tremendamente visionario

“Arf”, il racconto animato del candore che sfidò il dittatore

“Il punto di rugiada”, l’incanto di un film d’autore