L’uomo si fa beffe del digitale se con Tidona recitano Gassman e Tognazzi

Uno, due, dieci Andrea Tidona. L’attore siciliano riporta con successo in scena “Edipo… Seh! Uno scherzo da Sofocle” (fino al 17 novembre tappa al Brancaccino di Roma) in cui dà voce ad attori che hanno fatto la storia. Ci sono Eduardo De Filippo, Aldo Fabrizi, Turi Ferro, Vittorio Gassman, Tina Pica (unica donna), Renzo Ricci, Paolo Stoppa, Ugo Tognazzi, e a dirigere il Maestro Giorgio Strehler tra mille idiosincrasie e nevrosi. Con un cast del genere, le prove aperte dell’Edipo Re in un al di là possibile sono gustosissime: non perdono in nulla della tragicità della pagina antica e, al tempo stesso, suonano soavi e spassose. È quella magnifica magia che il digitale con ingenti investimenti crea sullo schermo, come per James Dean nel film “Finding Jack” che arriverà nel 2020, e che qui è resa fattibile grazie ad un solo attore dall’incredibile controllo del corpo e della voce, un bravissimo Tidona. Con maestria, leggerezza, intelligenza e conoscenza degli amati colleghi scomparsi, Tidona riesce a renderli tutti credibili. La sua non è parodia, ma un omaggio che fa assieme alla sapiente regia di Carla Cassola e che parte dal desiderio di poterli riascoltare ancora, e ancora, ancora un’altra volta.

You May Also Like

Maria Cristina Gionta, “spudoratamente” attrice

Michele Di Mauro, operaio dello spettacolo

“Dignità Autonome di Prostituzione”: palpabili emozioni al Castel Sant’Elmo di Napoli

Cinque “libri viventi” contro stereotipi e pregiudizi